La Festa dell’Addolorata

mater-dolentes(di Cristina Siccardi) Maria Santissima Addolorata, ricordata il 15 settembre, è l’aspetto mariano oggi più trascurato. Avendo messo da parte la Croce è normale che siano state anche accantonate le spade che trafissero il Cuore Immacolato.

Infatti Jacopone da Todi, nella sua composizione lirica Stabat Mater, inizia il suo capolavoro proprio con questa associazione filiale e materna: la Croce di Cristo e le lacrime di Maria Vergine: «Stabat Mater dolorósa / iuxta crucem lacrimósa, / dum pendébat Fílius» («La Madre addolorata stava / in lacrime presso la Croce / su cui pendeva il Figlio»). Non a caso la festa dell’esaltazione della Santa Croce precede di un giorno quella della Beata Vergine Maria Addolorata.

Ma il pianto di Maria non si è fermato sul Calvario e sul Santo Sepolcro perché, nonostante la Redenzione del Salvatore, il dolore provocato dai peccati degli uomini continua ad essere presente, peccati che non vengono attualmente neppure più riconosciuti come tali. Nella civiltà postcristiana dell’età postmoderna non solo ci si allontana da Dio, ma lo si oltraggia: questo mondo neopagano calpesta la naturalità e la sacralità sia della vita (creata) che della morte (di cui solo Dio è padrone), disprezzando la Croce e le lacrime di Maria.

La devozione alla Vergine Addolorata si sviluppa a partire dalla fine dell’XI secolo, quando un autore anonimo scrisse il Liber de passione Christi et dolore et planctu Matris eius, da qui ebbero inizio le composizioni sul tema del «Pianto della Vergine». Nel XII secolo, in seguito anche a delle apparizioni della Madonna, si ebbe una maggiore sensibilità per le sofferenze della Vergine, ma in ambiti ancora ristretti.

A dare un reale impulso a questo importante culto furono sette santi nella Firenze del XIII secolo: Bonfiglio dei Monaldi, Bonagiunta Manetti, Manetto dell’Antella, Amideo degli Amidei, Uguccio degli Uguccioni, Sostegno dei Sostegni e Alessio dei Falconieri. Sette uomini che vivevano pienamente nel mondo ed erano mercanti. Ma ad un certo punto si legarono all’oratorio della Compagnia di Santa Maria, o dei Laudesi, adiacente alla cattedrale di Santa Reparata, dove si tributava un culto speciale alla Vergine. Frequentando la Compagnia ebbero modo di unirsi tra loro con vincoli di santa amicizia.

Un giorno del 1233, mentre si trovavano davanti ad un’immagine dipinta della Madonna su parete di una contrada fiorentina, esprimendo a Lei con laudi tutto il loro amore, videro improvvisamente l’immagine animarsi, apparire addolorata e vestita a lutto. Fu così che questi mercanti decisero di gettare alle spalle la loro vita passata, indossarono un abito nero e istituirono la Compagnia di Maria Addolorata, detta dei Serviti, ritirandosi in preghiera, contemplazione e in penitenza sul Monte Senario e seguendo la Regola di Sant’Agostino.

Fu il sacerdote Iacopo da Poggibonsi, cappellano dei Laudesi e loro direttore spirituale, ad imporre a ciascuno l’abito dei Fratelli della Penitenza e il più anziano di loro, Bonfiglio Monaldi, fu eletto superiore della comunità dei Servi della Beata Vergine Maria. Nel 1888 Leone XIII canonizzò i sette Padri votati a Maria Addolorata e a Monte Senario un unico sepolcro raccoglie insieme le spoglie mortali di coloro che la comunione di vita aveva resi un cuor solo e un’anima sola.

Fra il 1668 e il 1690 le iniziative di culto da parte dei Servi di Maria favorirono in maniera incisiva la diffusione della devozione alla Madonna dei Dolori. Intanto il 9 giugno 1668 la Santa Congregazione dei Riti permise all’Ordine di celebrare la Messa votiva dei Sette Dolori della Beata Vergine. Nel relativo decreto si faceva menzione del fatto che i Servi di Maria portavano l’abito nero in memoria della vedovanza di Maria e dei dolori che essa sostenne nella passione e morte del Figlio. Questi dolori toccarono l’apice ai piedi del calvario e nel Sabato Santo quando solo Maria in quelle terribili ore mantenne la vera e integra Fede nella Rissurezione. (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere