ISLAM : secondo Maurizio Lupi servono più garanzie per costruire moschee

Bisogna «affrontare la questione della costruzione dei nuovi luoghi di culto in modo pragmatico. Come sottolinea anche il cardinale Tettamanzi, il primo problema riguarda il rispetto della legge. Purtroppo non c’entra nulla con quello della libertà religiosa, ma troppo spesso le moschee sono diventate luogo di educazione e formazione al terrorismo.


Occorre evitarlo chiedendo garanzie». Così Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera, in un’intervista pubblicata il 6 settembre 2010 su “La Repubblica”, risponde all’appello dell’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi.

Il 4 settembre scorso il card. Tettamanzi aveva ammonito che: «Le istituzioni civili milanesi devono garantire a tutti la libertà religiosa e il diritto di culto. I musulmani hanno diritto a praticare la loro fede nel rispetto della legalità. Spesso però la politica rischia di strumentalizzare il tema della moschea e finisce per rimandare la soluzione del problema, aumentando il livello di scontro, mentre potrebbe diventare uno stimolo per migliorare il livello della convivenza civile».

Anche la Lega ha duramente criticato l’arcivescovo di Milano, che a dicembre 2009 aveva già apostrofato come «imam» per i suoi richiami al dialogo interreligioso. Matteo Salvini, europarlamentare e capogruppo a Palazzo Marino è tagliente: «La moschea non è una priorità né possiamo cedere spazi a chi usa la sua religione per imporre un modo di vivere arretrato di secoli. Se il cardinale ha dimenticato l’occupazione del sagrato del Duomo, ospiti gli islamici nei suoi immensi palazzi».

Donazione Corrispondenza romana