ISLAM: pena di morte per chi si converte ad altra fede

Print Friendly, PDF & Email

Due iraniani convertiti al cristianesimo, Mir Mehdi Mussavi e Assad Heidari, fanno lo sciopero della fame in Tagikistan per non essere rimpatriati: rischiano la condanna a morte per apostasia. Mohamed Hegazy, egiziano, anche lui convertito al cristianesimo, riceve minacce di morte e il suo avvocato rinuncia ad assisterlo nella causa per la registrazione dell’avvenuto cambio di religione. Sono soli i casi dell’ultima ora, ma richiamano l’attenzione sulle persecuzioni di coloro che nei paesi islamici si convertono al cristianesimo e per questo rischiano la condanna alla pena capitale. La condizione del convertito nei paesi Islamici, infatti, è più difficile di quella del cristiano di nascita, a cui in alcune nazioni è garantito un minimo di tutela.





Due iraniani convertiti al cristianesimo, Mir Mehdi Mussavi e Assad Heidari, fanno lo sciopero della fame in Tagikistan per non essere rimpatriati: rischiano la condanna a morte per apostasia. Mohamed Hegazy, egiziano, anche lui convertito al cristianesimo, riceve minacce di morte e il suo avvocato rinuncia ad assisterlo nella causa per la registrazione dell’avvenuto cambio di religione. Sono soli i casi dell’ultima ora, ma richiamano l’attenzione sulle persecuzioni di coloro che nei paesi islamici si convertono al cristianesimo e per questo rischiano la condanna alla pena capitale. La condizione del convertito nei paesi Islamici, infatti, è più difficile di quella del cristiano di nascita, a cui in alcune nazioni è garantito un minimo di tutela.

    L’apostasia è punibile con la morte in molti paesi a maggioranza musulmana, tra cui Arabia Saudita, Afganistan, Iran, Pakistan e Egitto. Poco più di un anno fa l’Italia ha concesso asilo a un cittadino afgano, Abdoul Rahman, convertitosi al cristianesimo e condannato a morte in Patria. In Iran, secondo gli osservatori cristiani, si registrano negli ultimi tempi ulteriori restrizioni nei confronti delle minoranze religiose. I cristiani, per la maggior parte protestanti, hanno paura e per questo impediscono l’ingresso degli sconosciuti nelle chiese o nelle loro piccole comunità. Nel 2005 il pastore protestante iraniano Hamid Pourmand, convertito dall’Islam, è stato accusato di apostasia e proselitismo e ha rischiato la condanna capitale, fino a quando queste accuse non sono state fatte cadere dal giudice del tribunale islamico, grazie anche a una vasta mobilitazione internazionale.

Negli anni precedenti al caso di Pourmand, in Iran, tre cristiani sono stati accusati di apostasia e condannati alla pena di morte: il pastore Hussein Soodman è morto impiccato nel 1989; stessa sorte nel ’92 per Deacon Maher, dopo aver firmato la sua abiura; nel dicembre 1993 era stato condannato a morte il pastore Mehdi Dibaj, rilasciato dopo tre settimane per le pressioni della comunità internazionale, ma trovato morto alcuni mesi più tardi.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana