Intervista ad un giovane deputato ucraino al fronte

CR1736-Foto-03
Print Friendly, PDF & Email

Abbiamo raggiunto telefonicamente Sviatoslav Yurash, il più giovane membro del Parlamento ucraino, attualmente impegnato a difendere la capitale Kiev dall’aggressione russa.

Lei è entrato in Parlamento pochi anni fa. Ci può raccontare qualche cosa del suo impegno in politica?

Sono effettivamente il più giovane membro del Parlamento ucraino e appena nominato, tre anni fa, ho avviato la creazione del più grande gruppo parlamentare su Valori, Dignità, Famiglia, che ha come riferimento il movimento conservatore in Occidente. Lo scopo è il rispetto della libertà, della libertà di coscienza e della libertà di parola, e il rispetto di Dio e dei valori fondamentali su cui si basano tutti gli altri valori, quelli che ci sono stati tramandati dalla civiltà giudeo-cristiana. Tra questi, fondamentale è ovviamente la questione della protezione dei nascituri. Per quanto riguarda l’Ucraina, il paese è molto diviso sull’argomento. Tutti i sondaggi sul tema della vita danno un terzo che sostiene la protezione dei nascituri, un terzo che vorrebbe lo status quo, un terzo che non sa. Proprio per questo in Ucraina sarebbe necessario un deciso dibattito sull’argomento per spiegare e far vedere la gravità della situazione che è stata creata dall’applicazione della legislazione sovietica (sull’aborto, n.d.r.) ancora attualmente in vigore nel nostro Paese.

La Russia è considerata da molti un baluardo dei valori cristiani rispetto ad un’Ucraina e ad un Occidente corrotti? Cosa ne pensa?

Le statistiche russe sull’aborto sono terribili: vengono uccisi milioni di bambini ogni anno. Bisogna fare molto attenzione a non farsi prendere dalla propaganda ma considerare la realtà. E i fatti indicano molto chiaramente che nonostante i discorsi dei russi, la verità è diversa: Putin ha nelle sue mani ogni potere di governo ma nulla è stato fatto in tutti questi anni per la salvaguardia dei nascituri. Per quanto riguarda la realtà delle cose in Russia, il paese ha sempre cercato di sostenere i movimenti di estrema sinistra e di estrema destra in tutto il mondo per causare dissenso e caos. La forza principale della Russia sta nel cercare di essere una forza destabilizzante un po’ ovunque nel mondo. Sostiene gli estremismi per far sì che questi estremismi distruggano la capacità delle nazioni di sostenere un processo di indipendenza. L’immagine del signor Putin è un miraggio che ora è in frantumi per tutti. Ma noi in Ucraina, abbiamo visto la realtà molto prima.

Malgrado tutto ciò che sta succedendo, com’è possibile che ci siano persone che supportano Putin?

In Russia la gente è abituata all’idea che Putin sia una sorta di nazionalista, sono abituati a questo genere di propaganda. Ma la realtà e la vita li costringeranno ad aprire gli occhi. I fatti sul terreno stanno dimostrando in primo luogo che la menzogna è lo strumento principale dell’agenda del signor Putin e in secondo luogo che egli è un gigante dai piedi d’argilla. Noi, in Ucraina, stiamo mostrando al mondo intero che stiamo distruggendo quell’incredibile potente esercito che non crede veramente in quello che sta facendo e non vuole fare quello che lui li ha costretti a fare come un despota.

L’Occidente è rimasto colpito dalla risposta Ucraina all’aggressione russa. Zelensky ha detto che un popolo è diventato un esercito. Lei è tra coloro che hanno preso le armi per difendere la sua patria. Ci può dire le ragioni di ciò? 

Il primo giorno dei combattimenti la realtà era che Kiev, la nostra capitale, la città dove ho vissuto gli ultimi 8 anni della mia vita, è diventata la linea del fronte. I russi hanno messo Kiev sotto assedio e hanno fatto incursioni continue in città. Tutti insieme abbiamo costretto i russi a lasciare Kiev e ora la lotta è concentrata nei sobborghi. Stiamo resistendo a qualsiasi cosa Putin ci lanci, dimostrando al mondo che tutte le persone in Ucraina sono unite per vincere questa guerra. Non importa chi è il presidente: è il popolo che reagisce e tutti insieme abbiamo unito le forze per salvare e difendere la nostra antica capitale.

Quale sarà il futuro dell’Ucraina?

Il futuro dell’Ucraina sarà quello che gli ucraini decideranno di essere. Il punto è che non abbiamo nazioni dove andare: stiamo combattendo e lottando e non rinunceremo al nostro Stato, non rinunceremo alla nostra Nazione. Vinceremo questa guerra, non importa quanto tempo ci vorrà, non importa quanto questo costerà. Continueremo questa lotta fino alla completa vittoria.

Iscriviti a CR

Iscriviti per ricevere tutte le notizie

Ti invieremo la nostra newsletter settimanale completamente GRATUITA.