Intervento di sua Eccellenza l’Ambasciatore Habsburg

Habsburg
Print Friendly, PDF & Email

Sono Eduard Habsburg, Ambasciatore di Ungheria presso la Santa Sede. Ma soprattutto sono un uomo, padre di famiglia con una bellissima moglie e 6 bei figli (alcuni di loro sono qui oggi). Prima dell’incarico diplomatico ho lavorato per 5 anni su questioni riguardanti la famiglia per il vescovo della conferenza episcopale austriaca, potete credermi che i temi della famiglia e della vita, aborto, eutanasia, mi sono molto cari. Complimenti a tutti, che nonostante i tempi difficili in cui viviamo, siete venuti a dare testimonianza per la vita. Perché l’impegno per la vita e per la famiglia fa la differenza in ogni società nel mondo.

Voglio raccontarvi una piccola storia. Sono a Roma da cinque anni. Conosco già tante strade perché amo girare a piedi e in macchina. Ebbene, due anni fa, dopo tre anni a Roma, mi fermo ad un semaforo rosso e vedo una signora attraversare la strada che era visibilmente incinta. Ah, pensavo in me, che bello! Una donna incinta! Poi ho pensato un altro po’ e mi sono reso conto che questa era la prima volta per me in quei tre anni di aver visto una donna incinta in strada. E ho pensato: questa è Italia! L’Italia dovrebbe essere il paese dei bambini! Lo era fino a qualche anno fa – infatti guardando il film La Strada di Fellini possiamo vedere un’ultima visuale di villaggi pieni di bambini. Ma poi è successo qualcosa che, in modo simile, si è verificato anche in tanti paesi Europei. E oggi i villaggi, le strade sono vuote e si vedono poche donne incinte. Ma non deve essere così! Vi porto un bel messaggio dall’Ungheria. Il messaggio centrale è questo: è possibile incoraggiare le famiglie a dire sì alla vita! Il governo ungherese lavora da nove anni con una politica familiare attiva per questo scopo, e abbiamo ottenuto risultati bellissimi. Si sono succeduti:

  • un aumento dei matrimoni del 40%,
  • un calo dei divorzi del 25%,
  • una diminuzione degli aborti del 30%.

Solo nel 2019 abbiamo avuto una crescita di 9,4% nelle nascite e una crescita del 100% nei matrimoni.

Che cosa serve per un tale cambiamento? La volontà del governo di impegnarsi per la famiglia. Per aiutare le famiglie e trasmettere il messaggio che tanti figli sono un regalo per la società, bisogna dare soldi in mano, aiutare le famiglie economicamente: con prestiti a fondo perduto, con tasse ridotte o abolite, con aiuti finanziari per la casa, o per un nuovo family van.

Ma qui non si fermano le misure. Serve un cambiamento di attitudine. Ci vuole la visibilità della famiglia nello scenario pubblico. Politici, star, attori con famiglie e bambini che si presentano anche dal vivo.

E per concludere, è sempre un grande aiuto se i membri chiave del governo non sono solo Cristiani ma parlano ed agiscono da cristiani. Perché fede cristiana e famiglia vanno insieme!

Coraggio per le vostre famiglie! Grazie per la vostra testimonianza per la vita! Preghiamo per un’Italia di nuovo piena di bambini!

Iscriviti a CR

Iscriviti per ricevere tutte le notizie

Ti invieremo la nostra newsletter settimanale completamente GRATUITA.