Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia

Print Friendly, PDF & Email

(Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, è in contrasto con l’articolo 38 della costituzione polacca, secondo cui: «la Repubblica di Polonia assicura protezione legale a ogni vita umana». A questa decisione del supremo tribunale polacco sono seguite una serie di violente proteste da parte di gruppi abortisti, anche davanti alle chiese. Di fronte a questi atti di violenza, l’arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza Episcopale polacca, è intervenuto, il 25 ottobre, con una ferma dichiarazione in cui ha ricordato che la posizione della Chiesa cattolica sul diritto alla vita è rimasta immutata e pubblicamente nota.

Citando l’Enciclica di Giovanni Paolo II Evangelium Vitae, l’arcivescovo Gądecki ha sottolineato che «la scelta deliberata di privare un essere umano innocente della sua vita è sempre cattiva dal punto di vista morale e non può mai essere lecita né come fine, né come mezzo per un fine buono (…) «Niente e nessuno può autorizzare l’uccisione di un essere umano innocente, feto o embrione che sia, bambino o adulto, vecchio, ammalato incurabile o agonizzante. (…) Nessuna autorità può legittimamente imporlo né permetterlo» (Evangelium Vitae, 57).

L’Arcivescovo Gądecki ha fatto presente che non è la Chiesa che costituisce la legge in Polonia e non sono i vescovi che prendono decisioni sulla conformità o non conformità degli statuti alla Costituzione Polacca. Da parte sua, la Chiesa non può cessare di difendere la vita, né può rinunciare a proclamare che ogni essere umano deve essere protetto dal concepimento fino alla morte naturale. Su questo punto la Chiesa non può scendere a compromessi, perché sarebbe colpevole della cultura del rifiuto che è oggi così diffusa e che colpisce sempre i più bisognosi e vulnerabili.

Nella sua Dichiarazione, il Presidente dell’Episcopato polacco ha sottolineato che «la volgarità, la violenza, le scritte offensive e il disturbo delle funzioni religiose, come pure le profanazioni perpetrate negli ultimi giorni – sebbene possano aiutare alcune persone a scaricare le proprie tensioni – non sono il modo di azione appropriato di uno stato democratico». Ha espresso la sua tristezza per il fatto che in molte chiese oggi ai credenti fosse impedito di pregare e che fosse stato tolto con la forza il diritto di professare la propria fede. L’Arcivescovo Gądecki ha invitato infine ad esprimere le proprie opinioni in modo socialmente accettabile, nel rispetto della dignità di ogni essere umano. Ha incoraggiato tutti a un dialogo su come proteggere il diritto alla vita e i diritti delle donne, e ha chiesto a giornalisti e politici un senso di responsabilità per la pace sociale nel non intensificare le tensioni. (Veronica Rasponi)


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Dichiarazione dell’arcivescovo Stanislaw Gądecki

La decisione del Tribunale Costituzionale – riguardo la tutela della vita dei bambini malati – ha suscitato reazioni estremamente sconcertanti da parte di molte persone nel nostro Paese.

La stessa posizione della Chiesa cattolica sul tema del diritto alla vita è immutabile e pubblicamente nota. «La scelta deliberata di privare un essere umano innocente della sua vita è sempre cattiva dal punto di vista morale e non può mai essere lecita né come fine, né come mezzo per un fine buono. È, infatti, grave disobbedienza alla legge morale, anzi a Dio stesso, autore e garante di essa; contraddice le fondamentali virtù della giustizia e della carità. “Niente e nessuno può autorizzare l’uccisione di un essere umano innocente, feto o embrione che sia, bambino o adulto, vecchio, ammalato incurabile o agonizzante. Nessuno, inoltre, può richiedere questo gesto omicida per se stesso o per un altro affidato alla sua responsabilità, né può acconsentirvi esplicitamente o implicitamente. Nessuna autorità può legittimamente imporlo né permetterlo”» (Evangelium Vitae, n. 57).


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Tuttavia, vorrei ricordarvi che non è la Chiesa che costituisce la legge nella nostra Patria e non sono i vescovi che prendono decisioni sulla conformità o non conformità degli statuti alla Costituzione Polacca. Da parte sua, la Chiesa non può cessare di difendere la vita, né può rinunciare a proclamare che ogni essere umano deve essere protetto dal concepimento fino alla morte naturale. Su questo punto la Chiesa, come spesso ribadisce Papa Francesco, non può scendere a compromessi, perché sarebbe colpevole della cultura del rifiuto che è oggi così diffusa e che colpisce sempre i più bisognosi e vulnerabili. «Certe parti dell’umanità sembrano sacrificabili a vantaggio di una selezione che favorisce un settore umano degno di vivere senza limiti. In fondo, “le persone non sono più sentite come un valore primario da rispettare e tutelare, specie se povere o disabili, se ‘non servono ancora’ – come i nascituri –, o ‘non servono più’ – come gli anziani”» (Fratelli tutti, 18).

La volgarità, la violenza, le scritte offensive e il disturbo delle funzioni religiose, come pure le profanazioni perpetrate negli ultimi giorni – sebbene possano aiutare alcune persone a scaricare le proprie tensioni – non sono le modalità di azione appropriate di uno stato democratico. Esprimo la mia tristezza per il fatto che oggi in molte chiese ai credenti sia stato impedito di pregare e che, con la violenza, sia stato tolgo il diritto di professare la propria fede.

Chiedo a tutti di esprimere le proprie opinioni in modo socialmente accettabile, nel rispetto della dignità di ogni essere umano. Abbiamo bisogno di dialogo, non di atteggiamenti conflittuali né di febbrili scambi di opinioni sui social network. «L’autentico dialogo sociale – scrive Papa Francesco – presuppone la capacità di rispettare il punto di vista dell’altro, accettando la possibilità che contenga delle convinzioni o degli interessi legittimi» (Fratelli tutti, 203).


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Ancora una volta, incoraggio tutti a un dialogo su come difendere il diritto alla vita e i diritti delle donne. Chiedo a giornalisti e politici di non intensificare le tensioni, in un senso di responsabilità per la pace sociale.

Chiedo a tutti i fedeli di pregare per i bambini non nati, per i genitori in attesa di figli e per la conversione di coloro che usano la violenza.

+ Stanisław Gądecki
Arcivescovo Metropolitano di Poznań
Presidente della Conferenza Episcopale Polacca
Vicepresidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee (CCEE)
Poznań, 25 ottobre 2020

Donazione Corrispondenza romana