In via di costituzione un fondo mondiale per l’aborto

Print Friendly, PDF & Email

(Mauro Faverzani) Il presidente americano Donald Trump ha azzerato i finanziamenti Usa, ma in soccorso della multinazionale dell’aborto Planned Parenthood è subito accorsa l’Australia, che le ha garantito 9,5 milioni di dollari, accogliendo la richiesta pervenuta appositamente in merito dal partito laburista.

Tali fondi vengono destinati al programma Sprint, programma destinato ad assicurare interventi «di salute riproduttiva nelle situazioni di crisi e post-crisi della regione indo-pacifica». Il governo australiano pretende di farsi bello specificando come esso non finanzi, né intenda finanziare, gli aborti selettivi per sesso, anzi starebbe cercando di contrastarli e di ridimensionarli quantitativamente. Ma questo non significa alcunché, la strage degli innocenti resta in tutta la sua tragica gravità, oltre tutto in aree del mondo in cui semmai ci sarebbe bisogno di strutture adeguate per partorire, non certo per abortire.

All’agenzia LifeSiteNews, Robyn Grace, fondatrice in Australia di Pregnancy Help South e co-fondatrice del sito d’informazione pro-life AllLivesEqual.org, ha dichiarato che il 90% delle donne immigrate che lei incontra ogni giorno per lavoro, non ha alcuna intenzione di abortire: «Perché allora – ha chiesto – quei soldi vengono spesi per gli aborti invece che per aiutare le donne in gravidanza? Il sangue di questi bambini è davvero sulle loro mani, ciò rappresenta una vergogna per il nostro Paese».

Intanto, secondo le verifiche condotte da Live Action, gli aborti rappresenterebbero addirittura il 97% dei “servizi” assicurati da Planned Parenthood e non il 3, come sostenuto spudoratamente dai media e dagli ambienti pro-choice: un’autentica ecatombe di proporzioni immani, dove le vittime sono piccoli indifesi, ancora nel grembo materno.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

La decisione di Trump di chiudere i rubinetti dei finanziamenti ha, però, rappresentato una sorta di campanello d’allarme su scala internazionale: così, per colmare i buchi di bilancio presenti o futuri e garantire continuità nelle erogazioni, i leader di 50 Paesi hanno immaginato la costituzione di un fondo mondiale a favore dell’aborto su scala planetaria. Per questo si ritroveranno il prossimo 2 marzo, già sapendo però sin d’ora che tre Stati – in particolare, Paesi Bassi, Belgio e Danimarca – hanno già promesso contributi per un totale complessivo di 30 milioni di euro, pari a 32 milioni di dollari. (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Ma davvero Biden è stato eletto Presidente? O no?
    (Maurizio Ragazzi) Che il Democratico Joe Biden sia stato eletto presidente appartiene, al momento, non alla realtà ma agli auspici dei suoi sostenitori cioè quella vasta coalizione che, oltre al partito Democratico (e restando negli USA, senza quindi interrogarsi sul … Continua a leggere
  • Cosa non cambierà della politica estera USA (nonostante e malgrado Joe Biden)
    (Luca Della Torre) Cina, Russia e la stessa diplomazia del Vaticano ai tempi di Bergoglio avranno assai poco da rallegrarsi del nuovo Presidente USA nelle relazioni internazionali. JoeBiden sarà ragionevolmente il prossimo Presidente degli Stati Uniti: lasciando certamente aperte le … Continua a leggere
  • Elezioni USA: una prima analisi
    (Maurizio Ragazzi) Due giorni dopo la chiusura dei seggi, è ancora incerto chi abbia vinto le elezioni presidenziali americane. Invece, altri dati emersi dalle elezioni (per Presidente, Congresso, governatori, ed iniziative popolari) sono già assodati: 1. Lasciando da parte gli … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • Elezioni in USA, due realtà a confronto
    (Maurizio Ragazzi) Nel suo romanzo storico Racconto di due città (A tale of two cities), Charles Dickens aveva messo in contrasto due realtà e le vite di vari protagonisti. Analogamente, le recenti conventions democratica e repubblicana, che hanno formalmente nominato … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere