Il peccato è grave, la giustificazione molto peggio

O BRIEN(di Riccardo Cascioli su La Nuova Bussola del 04-03-2013) “Una profonda ferita per la Chiesa” sia che le accuse siano vere o false; così in un editoriale di pochi giorni fa padre Giorgio Maria Carbone commentava il caso del cardinale scozzese Keith O’Brien, accusato di aver molestato sessualmente quattro seminaristi all’inizio degli anni ’80.  Ora sappiamo che quelle accuse sono vere.

Lo ha ammesso ieri lo stesso cardinale O’Brien in un comunicato: «Ci sono stati momenti in cui la mia condotta sessuale è stata al di sotto degli standard che ci si aspettava da me, come prete, arcivescovo e cardinale. Mi scuso e chiedo perdono a tutti coloro che ho offeso. Chiedo scusa anche alla Chiesa cattolica e al popolo scozzese. Ora passerò il resto della mia vita in ritiro. Non prenderò mai più parte alla vita pubblica della Chiesa cattolica in Scozia».

Si chiude così una vicenda che suscita una grande amarezza e un grande dolore perché – cito ancora padre Carbone – questi «fatti gravissimi che oltraggiano l’opera salvifica di Gesù Cristo, ledono la santità di tutto il Corpo mistico e attentano alla bellezza divina della Sposa di Cristo: il peccato di un membro, laico o cardinale che sia, danneggia sempre e inevitabilmente tutte le altre membra».

È una vicenda di miseria umana – peraltro dal comunicato si capisce che non è circoscritta ai casi denunciati – che richiede anzitutto la nostra pietà e la nostra preghiera, per O’Brien e per le sue vittime. E anche un pensiero su noi stessi, pure noi peccatori e certamente non al riparo dalla possibilità di provocare scandalo, una preghiera perché il Signore ci custodisca sulla retta via.

Ma il caso O’Brien si presta almeno a una considerazione: siamo di fronte all’ennesimo caso di omosessualità tra sacerdoti, la cui pratica ha potuto protrarsi per anni perché ha trovato un ambiente favorevole all’omertà, alla reciproca copertura. Non sappiamo cosa abbia spinto quattro sacerdoti a rompere questo muro di omertà dopo trenta anni: può essere che il clima stia cambiando oppure può essere una torbida storia di ricatti. Possiamo sperare che sia vera la prima ipotesi, ma come abbiamo già detto più volte negli scorsi mesi resta comunque il fatto che nella Chiesa esiste oggi un problema omosessualità.

Gli stessi casi di pedofilia di cui tanto si parla – lo ripetiamo – sono in stragrande maggioranza casi di pratica omosessuale, perché consumati con adolescenti e non con bambini.

Il vero problema però non sta nel peccato in sé quanto nel tentativo di giustificarlo ed elevarlo a sistema: non solo esiste oggi una lobby gay nella Chiesa, ma in tanti seminari e università pontificie, a proposito di omosessualità, si insegna apertamente che si tratta di una tendenza naturale che non va corretta in alcun modo. E l’ideologia di genere (o “gender”, come si dice in inglese) viene promossa come adeguata alla Rivelazione cristiana, in aperto contrasto con il catechismo della Chiesa cattolica (e con il buon senso). Non per niente Benedetto XVI, nel discorso alla Curia Romana alla vigilia di Natale, identificava nell’ideologia del gender una delle più gravi sfide della Chiesa.

È questo un cancro che è cresciuto silenziosamente negli anni e che oggi sta producendo dei danni enormi, soprattutto nella formazione dei sacerdoti. Ed è questo certamente uno dei problemi più grossi che dovrà affrontare il nuovo pontefice. Non è il peccato che deve scandalizzare, ma la sua giustificazione, il confondere il male con il bene, il tentativo di sovvertire la dottrina della Chiesa per renderla compatibile con i propri vizi. Come già ricordava Benedetto XVI, in gioco c’è l’affermazione o la negazione di Dio, e perciò dell’uomo.

Donazione Corrispondenza romana
  • Fatima ci insegna a scrutare il Cielo
    (di Roberto de Mattei, in Radici Cristiane, n. 121 – febbraio 2017) Le apparizioni di Fatima del 1917 ci trasmettono, cento anni dopo, ancora molti insegnamenti. Uno di questi è l’invito a saper leggere i segni del Cielo. A Fatima … Continua a leggere
  • La canonizzazione di Francesco e Giacinta di Fatima
    (di Cristina Siccardi) 13 maggio 2017: Papa Francesco, per i cento anni dalle apparizioni della Madonna di Fatima, si recherà sul luogo e canonizzerà Francesco e Giacinta Marto, testimoni diretti, insieme alla cugina, Lucia dos Santos, degli avvenimenti soprannaturali di … Continua a leggere
  • Il francescanesimo del futuro annunciato da Radio Vaticana
    (di P. Paolo M. Siano) Lo scorso 10 aprile i Ministri Generali di 3 delle 4 grandi antiche Famiglie Francescane hanno rilasciato un’intervista a Radio Vaticana rivelando che nei loro Ordini è in azione un movimento (guidato dalle rispettive gerarchie) … Continua a leggere
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere