Il governo polacco pronto ad abolire la legge sull’aborto

Print Friendly, PDF & Email

Polish Prime Minister Beata Szydlo speaks at a press conference after cabinet meeting in Warsaw, Poland, 24 November 2015. The new government first official meeting was focused on an amendment to the 2016 draft budget adopted by the previous government, security and fight against terrorism issues. PAP/RADEK PIETRUSZKA POLAND OUT

Buone notizie, finalmente: giungono dalla Polonia, dove il partito di maggioranza, Prawo i Sprawiedlywosc (Diritto e Giustizia), ha annunciato pubblicamente di voler puntare con decisione all’abolizione della legge sull’aborto, senza compromessi: lo ha annunciato la premier, Beata Szydlo (nella foto), parlando alla radio pubblica, nonché il leader storico, Jaroslaw Kaczynski. Il motivo è evidente: tutelare la vita del nascituro.Al Seim, la Camera Bassa, la formazione cattolica ha i numeri per riuscire a raggiungere l’obiettivo: «Dobbiamo e vogliamo restaurare il primato dei valori cristiani di difesa della vita e distanziarci dal comodo mainstream dell’Europa secolarizzata – ha assicurato il portavoce dell’esecutivo – E’ la promessa fatta agli elettori, il ritorno alle tradizioni». Affermazioni perfettamente in linea, peraltro, con quanto richiesto esplicitamente dalla Conferenza episcopale polacca.

La normativa attualmente in vigore, che il governo intende eliminare, prevede la possibilità d’abortire in caso di stupro, di malformazioni gravi del bambino oppure nel caso la madre sia in pericolo di vita.

Il deciso proposito manifestato dalla maggioranza al governo della Polonia ha fatto propria la richiesta del movimento «Porre fine all’aborto», ma rappresenta anche una aperta sfida al regime del “pensiero unico” e del “politicamente corretto”: non a caso, ha già scatenato la reazione stizzita dell’Unione Europea e della Commissione diritti dei minori dell’Onu, che non più tardi di quattro mesi fa si era premurata di inviare ai leader polacchi una serie di “raccomandazioni” pro-choice, evidentemente e provvidenzialmente rimaste disattese.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

La notizia non è solo importante in sé, bensì anche per la valenza che riveste: rappresenta un chiaro monito rivolto anche a tutti gli altri Paesi membri dell’Ue: cancellare la legge sull’aborto si può. Anzi, soprattutto per i cattolici impegnati in politica, si deve (fonte: Corrispondenza Romana).

Donazione Corrispondenza romana
  • Un granellino di sabbia inserito nella macchina abortiva
    (Tommaso Scandroglio) Nel Regno Unito l’aborto è consentito fino alla 24esima settimana e fino alla nascita per motivi legati alla malformazione del feto. La deputata Carla Lockhart, membro del Partito Unionista Democratico dell’Irlanda del Nord, ha presentato una mozione al … Continua a leggere
  • Amici e nemici della vita nel mondo
    (Mauro Faverzani) Il Messico non si arrende alla cultura di morte. Dal 2007, anno in cui nella sola capitale, Città del Messico, il Partito della Rivoluzione Democratica, di sinistra, riuscì a render legale abortire, 22 Stati della repubblica federale hanno … Continua a leggere
  • Intervento dell’arcivescovo Gądecki, contro le violenze in Polonia
    (Veronica Rasponi) Il 22 ottobre 2020, il Tribunale Costituzionale della Polonia ha deciso a larghissima maggioranza (tredici giudici contro due) che la clausola della legge sulla maternità che permette l’aborto in caso di una malattia grave e incurabile del feto, … Continua a leggere
  • Una legge iniqua non può mai essere bene applicata
    (Tommaso Scandroglio) Lo abbiamo visto verificarsi tante volte. Fatta una legge piena zeppa di paletti, questi paletti prima o poi saltano tutti. Qualche esempio. Legge 898 del 1970 sul divorzio: inizialmente si poteva divorziare solo dopo tre anni dalla separazione. … Continua a leggere
  • I cattolici adulti e la 194
    (Riccardo Rodelli) Nei giorni scorsi mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita, in una intervista a La Repubblica (15 agosto 2020) ha definito la legge 194 «un punto di riferimento condiviso, con cui tutti dobbiamo misurarci». Parole … Continua a leggere
  • Nuove “infiltrazioni” nel tempio
    (Mauro Faverzani) Uno spirito diabolico continua a serpeggiare senza tregua, ogni giorno, nella Chiesa. Il sacerdote gesuita Mario Serrano Marte si è espresso ancora una volta a favore della depenalizzazione dell’aborto nella Repubblica Dominicana. Lo scorso 21 agosto ha pubblicato … Continua a leggere
  • Lobby abortista scatenata in tutto il mondo
    (Mauro Faverzani) Partiamo dalle buone notizie. In Kenya un disegno di legge, sostenuto dalla lobby abortista internazionale ed atto a consentire in pratica l’interruzione di gravidanza addirittura sino al momento della nascita, è stato bloccato grazie alle pressioni dei gruppi … Continua a leggere
  • La campagna prolife del presidente Trump
    (Tommaso Scandroglio) La campagna elettorale negli Usa è ormai iniziata. L’organizzazione pro-life Susan B. Anthony List ha stilato un elenco di iniziative che l’amministrazione Trump ha assunto a favore della vita nascente dal giorno del suo insediamento ad oggi, elenco … Continua a leggere
  • Bufera su Ikea per aver licenziato un dipendente no Lgbt
    (di Mauro Faverzani) In occasione dell’ultima Giornata internazionale contro l’omofobia, lo scorso 17 maggio, si pensava che Ikea avesse già dato il meglio, anzi il peggio di sé. Per tale ricorrenza aveva pensato bene, infatti, di pubblicare sui suoi social … Continua a leggere
  • Disabile costretta all’aborto, successo per un film pro life
    (di Mauro Faverzani) Accade in Britannia. Lei, una giovane nigeriana, è senza dubbio una disabile psichica: ventenne, ha l’età mentale di un bambino delle elementari. È incinta, già alla 22ma settimana. Non si sa se volontariamente o meno, la Polizia … Continua a leggere