Il disastro Expo e il disastro del video Rai “Progetto scuola”

video Rai Progetto scuola(di Mauro Faverzani) Certo non sono delle più felici le parole cui è ricorso in una recente intervista il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, per tranquillizzare circa lo status dei lavori relativi all’Expo. Non ritiene che si sia «terribilmente indietro», poi però ha aggiunto: «Per come abbiamo trovato la situazione, dico che è un miracolo che questa Expo si faccia». Il che ha cancellato di colpo l’ottimismo costruito sulle rassicurazioni verbali appena rabberciate e mostrato la realtà per quel che è: un disastro.

Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dove si svolgerà l’Expo nel 2020, ha già allestito un efficace sito Internet, raccolto 1.342.544 “mi piace” su Facebook, 303.046 su Twitter con un’invidiabile presenza sui social, promosso una copertura mediatica e pubblicitaria capillare, progettato per l’occasione il Mall of the World ovvero il più grande centro commerciale del mondo su una superficie di 4,5 milioni di metri quadri, con 100 alberghi, 20 mila camere, cinema, parco a tema, centri benessere, una miriade di negozi ed una serie di cupole per garantire la climatizzazione anche nei giorni più caldi.

Al confronto, i cantieri ancora aperti a Milano a meno di un mese dall’inaugurazione fanno impallidire… Non solo: è incredibile come l’Expo non sia ancora iniziato e già rimedi figuracce su scala internazionale. Visto che il suo sito ufficiale – ovvero la sua vetrina virtuale sul mondo – pubblica contributi video con errori a dir poco grossolani. Lo dimostra il filmato dal titolo L’uomo che reinventò il grano?. Appare nella sezione Progetto Scuola e parla dell’agronomo Nazareno Strampelli, che negli Anni Venti riuscì a raddoppiare la produzione di cereali.

Fotografia curata, montaggio e musiche appropriati, voce fuori campo ben impostata,… non ci si poteva aspettare di meno, trattandosi di una produzione Rai. È il contenuto, che fa cilecca. Sin dalle prime battute: «Un giorno, per sfamare la folla che Lo ha seguito, Gesù moltiplica i pochi pani portati dai discepoli: è il suo primo miracolo». Il che è semplicemente falso. L’episodio, riportato in Mt 14, 13-21, giunge infatti dopo quello delle «nozze di Cana» (Gv 2, 1-11), quando Cristo trasformò l’acqua, contenuta in «sei giare di pietra», in vino. Precisa il testo sacro: «Così Gesù diede inizio ai Suoi miracoli». Dunque, quello fu davvero il Suo primo miracolo. Non solo. Prosegue la voce fuori campo: «Dopo di lui, per quasi duemila anni, non ci riuscirà più nessuno. Per un nuovo miracolo, ci vuole un agronomo italiano: Nazareno Strampelli».

Evidentemente agli autori del video non è noto neppure cosa sia un miracolo. Riprendiamo allora il Compendio al Catechismo della Chiesa Cattolica e vediamo al n. 108 come i «segni ed i miracoli» siano stati compiuti da Gesù «per attestare che il Regno è presente in lui, il Messia». Ancor più chiaro è il Catechismo della Dottrina Cristiana, detto di San Pio X, che al n. 87 definisce «miracolo» un «fatto sensibile, superiore a tutte le forze e leggi della natura e perciò tale che può venire solo da Dio, Padrone della natura». Nello specifico, a proposito del miracolo della moltiplicazione dei pani, il Catechismo della Chiesa Cattolica spiega, al n. 1335, come sia stato compiuto per prefigurare «la sovrabbondanza di questo unico Pane, che è la Sua Eucaristia».

Niente a che vedere, dunque, con le nuove varietà di grano ottenute per incrocio. Ora, è evidente come in nessun modo, neppure per una frase ad effetto in un filmato, si possa equiparare o accostare ad un evento di questo tipo una scoperta umana od un ritrovato scientifico e tecnologico, per quanto sia frutto di fine ingegno. Farlo è blasfemo. Probabilmente tale accostamento starebbe stretto allo stesso Nazareno Strampelli, ch’era oltre tutto massone e fascista. Ma questo, ovviamente, il video non lo dice. (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere