Il Centrodestra si prepari seriamente alle elezioni

Partito Democratico - Renzi segratario PD(di Danilo Quinto) Dopo aver fatto l’elogio di Nichi Vendola, «ha fatto un lavoro sodo in tanti settori, in questi dieci anni», nel discorso d’inaugurazione della Fiera del Levante di Bari, Matteo Renzi ha ripetuto il ritornello che propina in ogni circostanza: «Fare politica non è quella cosa obbrobriosa che ci hanno raccontato, ma provare a mettere nella vita di tutti i giorni entusiasmo. Dopo anni di ubriacature da soluzioni tecniche e tecnocratiche, è il momento che la politica torni a fare il suo mestiere. Questo perché oggi la crisi economica è globale, ma vede nell’eurozona un punto di difficoltà maggiore e vede l’Italia non ancora ripartita, non ancora rimessa in moto».  

L’idea di politica del Presidente del Consiglio e il suo entusiasmo, si scontrano – come accade dall’inizio dell’”avventura” – con i dati reali. Come quelli diffusi in questi giorni dall’OCSE e per l’agenzia di rating Standard & Poor’s. Nel suo rapporto intermedio, l’OCSE ha tagliato le stime di crescita dell’Italia, prevedendo per il 2014 un calo del Pil dello 0,4% contro il +0,5% indicato a maggio; per il 2016, la stima è di +0,1% contro il +1,1% pronosticato in precedenza. Analoga la previsione fatta da Standard & Poor’s, che vede l’Italia «bloccata nella recessione» e valuta che l’impatto del bonus da 80 euro voluto dal Governo Renzi sarà solo dello 0,1% contro lo 0,3% inizialmente previsto.

È difficile immaginare che l’“entusiasmo” e gli “annunci” di riforme strutturali possano contrastare  queste previsioni. È facile prevedere che le aggraveranno, con una legge di stabilità che – nonostante le rassicurazioni di Renzi – dovrà tener conto dei vincoli di bilancio e con i tagli “lineari” della spesa pubblica che seguono analoghe politiche perseguite dai Governi degli ultimi vent’anni. Su questo versante, Renzi non incarna nessuna novità. Anche il suo tentativo di sottrarsi ai “controlli” della Commissione europea e della BCE, per quel che concerne la realizzazione delle riforme, è fallito.

L’incontro dei ministri finanziari dei Paesi europei, che si è svolto a Milano negli scorsi giorni, ha sancito che il contenuto e la calendarizzazione delle riforme – sul lavoro, la competitività e la produttività, sulla pubblica amministrazione, la formazione, la giustizia e la scuola – dovranno essere sottoposte alla Commissione europea, che le monitorerà. Con il Governo Renzi, si è consegnata definitivamente la sovranità dell’Italia ad autorità ad essa estranee.

L’itinerario fin qui percorso da questo terzo Governo consecutivo sostenuto da una maggioranza non eletta dal popolo, è ben delineato dall’ultima rilevazione di Demos per l’Atlante Politico di Ilvo Diamanti. Renzi ha perso 15 punti di consenso in 3 mesi e la sua forza di attrazione coinvolge sempre meno quella parte di elettorato di centrodestra, che gli aveva dato fiducia: «Il PD di Renzi, il PdR – scrive Diamanti – oggi appare, in parte, “normalizzato”. Non è più in grado di attingere consensi da tutti i principali settori dello spazio elettorale, ma è divenuto un soggetto politico di centrosinistra, più di centro che di sinistra. Come il suo leader. Come il premier. Che, per questo, non piace più, come prima, a centrodestra, ma neppure agli elettori maggiormente spostati a sinistra. Né, a maggior ragione, agli elettori del M5s».

Conseguenza di quest’analisi è che Renzi non può fare meno del PD per governare e man mano che le settimane passeranno – e continueranno i fallimenti dell’azione di governo – sarà sempre più chiaro che l’unica possibilità per Renzi di conservare il potere sarà quella delle elezioni. Le vincerà a man bassa, se dall’altra parte – se ancora esiste un’altra parte – non si comprenderà che un Paese allo stremo, com’è l’Italia di oggi, ha bisogno di ritrovare innanzitutto la sua dignità. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere