Il catechismo di san Pio X

Il catechismo di san Pio X(di Cristina Siccardi) Ci sono testi che non perdono valore nel tempo e che addirittura riacquistano interesse a motivo del loro insegnamento preciso, chiaro e puntuale.

Perciò in questo tempo di immenso disorientamento, dove l’opinione personale diventa il metro di misura, dove le emozioni sono privilegiate sul ragionamento, dove i principi cattolici perdono significato e consistenza, dove l’esperienza soggettiva fa premio sulla dottrina, dove l’ignoranza religiosa è il sistema che regola gli intelletti, è importante leggere e studiare il Catechismo di San Pio X, compendio della dottrina cristiana, meglio conosciuto come Catechismo Maggiore, edito nel 1905, con 993 domande e risposte, e pubblicato oggi da San Paolo. Il Catechismo della dottrina cristiana, quello dato alle stampe nel 1912, con 433 domande e risposte, fu quello che ebbe maggior diffusione.

Venne stampata anche l’edizione ridotta, nota con il titolo Primi Elementi della Dottrina Cristiana, dedicata ai bambini e ai ragazzi. Scrive Natale Benazzi nell’introduzione al Catechismo Maggiore: «Pio X comprendeva con estrema chiarezza che l’educazione del popolo doveva essere la base su cui impostare il lavoro creativo della vita cristiana; e, soprattutto, che quell’opera di educazione andava compiuta con un linguaggio che il popolo potesse capire, in una “dialettica del presente”, fatta per essere “mantenuta” a memoria, fino a diventare interiorità» (p. 10).

San Pio X lo diceva, con molta lucidità e senza timore di attirarsi qualche strale, che la centralità della missione del predicatore del Vangelo doveva ruotare attorno alla comprensibilità del contenuto dell’annuncio e non alla figura stessa dell’oratore. Lo studioso Roger Aubert lo sottolinea: «Ricordava con molto realismo che “è più facile trovare un oratore facondo e brillante, che non un catechista che impartisca un’ottima istruzione”; e non cessava di raccomandare ai sacerdoti di esporre con chiarezza e semplicità e di dedicarsi in particolare alla catechesi per gli adulti, che era stata molto trascurata nel secolo XIX» (p. 10).

Oggi vengono universalmente riconosciuti gli elementi sostanziali di un Catechismo che è pietra viva nel «solco della tradizione educativa della Chiesa» (p.8). Viene inoltre universalmente riconosciuto il lavoro strenuo che san Pio X perseguì da parroco, da Vescovo, da Patriarca e da Pontefice, per una catechesi seria e feconda, educando così le anime in senso spirituale e in senso etico. Come riempire di contenuti una religione divenuta mero sentimentalismo, dove non c’è più distinzione di piani fra ciò che è del mondo e ciò che è di Dio? Certamente la lettura e la meditazione del Catechismo di san Pio X è un modo corretto, sano e perfetto per rispondere a tante domande di credenti che spesso brancolano nel buio.

Scriveva il beato don Giacomo Alberione, fondatore della Pia Società San Paolo, nella prefazione alla prima edizione del volume di Padre Dragone Ssp, Spiegazione del catechismo di San Pio X per catechisti (1963): «Oggi occorre, però, tener presente che si acuisce sempre più la lotta pro e contro Cristo: e che la vittoria dipende dall’istruzione religiosa; la sconfitta per le singole anime dipende dall’ignoranza. Non basta l’istruzione teorica, occorrono la fede, la vita cristiana, la preghiera. Il catechista rappresenta il Divino Maestro se, come Lui, si fa via, verità e vita. Il catechista pio, istruito, esemplare; il catechista che conosce bene ciò che deve insegnare ed il modo d’insegnare; il catechista che sa organizzare la sua classe e le classi; il catechista che soprattutto ama le anime e nulla risparmia per esse… opererà un grande bene tra la gioventù e gli adulti, nonostante tutte le accresciute difficoltà di oggi, che sono realmente tante e gravi».

Ecco che nel centenario della morte di san Pio X la San Paolo ripropone il Catechismo Maggiore (nel testo è anche presente l’Istruzione sopra le Feste del Signore, della Beata Vergine e dei Santi) al fine di offrirlo a tutti, giovani e meno giovani, catechisti e non catechisti, mettendo così a disposizione dei lettori la bellezza e la sicurezza della dottrina. Che cos’è la dottrina cristiana? Risponde il Catechismo: «La dottrina cristiana è la dottrina che Gesù Cristo nostro Signore ci ha insegnato per mostrarci la strada della salute». (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere