«I satanisti sono peggio dei mafiosi» La veglia anti-Marilyn Manson

(di Mauro Giordano su Il Corriere della sera del 13-12-2012) «Essere satanisti è peggio di essere mafiosi o terroristi, perché nella vita si può sbagliare ma scegliere di adorare il male è l’errore peggiore». Non solo preghiere, ma anche parole forti per riparare «all’adorazione di Satana» andata in scena ieri sera all’Unipol Arena di Casalecchio. Le ha scelte Don Giulio Marra, sacerdote della comunità «Nuovi orizzonti», arrivato sotto le Due Torri per parlare di rock maledetto durante la veglia ospitata nella chiesa del Santissimo Salvatore in contemporanea con il concerto di Marilyn Manson e Rob Zombie. All’invito lanciato dall’associazione cattolica Uniti per Bologna hanno risposto un’ottantina di persone, che hanno pregato per «rimediare» agli eccessi portati sul palco dalle due rockstar e per riflettere su cosa sia e dove si nasconda il satanismo oggi.

BOLOGNA «DIABOLICA» – Secondo Don Giulio «è un dispiacere che Bologna abbia accettato Marilyn Manson, giustamente respinto in tante nazioni, ma d’altronde qui Satana è ben presente». Il riferimento esplicito del religioso (con nome e cognome) è a Marco Dimitri, il bolognese fondatore dell’associazione «Bambini di Satana», protagonista in passato di vicende giudiziarie. «E pensare che l’ex sindaco Sergio Cofferati permise pure che durante un evento estivo quel personaggio spiegasse le sue ragioni», attacca il parroco.

JOHN LENNON, LED ZEPPELIN E…TIZIANO FERRO – Ma a finire nel ruolo dei cattivi non ci sono solo Manson e Zombie ma tanti altri. La lista stilata da Don Giulio è lunga e include dei veri e propri «mostri sacri» del rock. «Il rock è di per sé una musica discorsiva e dannata – ammonisce il prete –. In Imagine di John Lennon, nelle canzoni dei Led Zeppelin, dei Pink Floyd, dei Queen e in Hotel California degli Eagles ci sono chiari riferimenti o tracce nascoste che esaltano il Male». Tra gli artisti «maledetti» anche un insospettabile, come Tiziano Ferro. «Andate ad ascoltare la sua Indietro…da lui non me lo aspettavo», commenta rammaricato Don Giulio, che ha anche imbracciato una chitarra per strimpellare alcuni dei pezzi incriminati.

SATANA OGGI – Nella sua lezione introduttiva il parroco ha spiegato la presenza di tre satanismi: uno giovanile, uno organizzato e uno esplicito. «Manson o “il Reverendo”, come si fa chiamare, fa parte di quest’ultimo – racconta Don Giulio –. Con le nostre preghiere dobbiamo aiutare Gesù a portare l’ennesima croce ma dobbiamo anche aiutare chi si fa affascinare da Satana. Diciamo no a questo messaggio di morte e a queste provocazioni». Per i fedeli che hanno partecipato alle veglia riparatrice «l’intenzione non è quella di andare contro nessuno, ma volevamo lanciare un segnale diverso rispetto a quello che ha trovato spazio all’Unipol Arena».

Mauro Giordano

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere