I parlamentari cattolici di fronte all’UNAR

unar(di Danilo Quinto) Sembra che parte dei parlamentari aderenti a Scelta Civica abbiano scoperto che il Governo Renzi, così come quelli precedenti, voglia perseguire una strategia di genuflessione nei confronti della cultura omosessualista dominante.

Al Senato hanno presentato nei giorni scorsi un’interpellanza al Presidente del Consiglio dei ministri, per sapere «quali iniziative intenda assumere per rispondere all’allarme educativo creato in molte famiglie dalle iniziative dell’UNAR; in qual modo intenda muoversi per ricondurre l’UNAR ai suoi compiti istituzionali evitando per il futuro che tale ufficio possa occuparsi di rieducare gli italiani e in particolare gli studenti al  politically correct  di quello che agli interpellanti appare il «pensiero unico» delle associazioni LGBT; se non ritenga opportuno sostituire urgentemente il direttore dell’UNAR, che secondo gli interpellanti ha abusato della delega ricevuta, sostituendosi all’autorità politica in iniziative che coinvolgono aspetti molto rilevanti della vita sociale e ambiti molto delicati del processo educativo delle giovani generazioni; se risulti alla Presidenza del Consiglio che lo stesso funzionario sia stato già oggetto di censure analoghe a quelle richieste dal Vice Ministro  pro tempore Guerra nel corso di  precedenti incarichi presso altri uffici governativi; se la nota del Vice Ministro  pro tempore Guerra sia stata effettivamente inserita, come da lei richiesto, nel fascicolo personale del funzionario e, in caso contrario, quali siano le ragioni del mancato inserimento; se sia stato avviato in Commissione disciplinare un procedimento contro il funzionario per il danno di immagine provocato alla pubblica amministrazione e quali siano le risultanze di tale  procedimento; chi abbia autorizzato la spesa di fondi europei generata dalle iniziative del predetto direttore dell’UNAR e, nel caso essa non fosse stata autorizzata, quali iniziative si intendano assumere nei confronti dello stesso funzionario; se non intenda risolvere immediatamente il contratto con l’istituto Beck, in essere dal 2012 per evidente uso a fini ideologici del rapporto con la pubblica amministrazione».

Gianluigi Gigli – primo firmatario dell’interpellanza, insieme ai colleghi Dellai, Binetti, Sberna, Iori, Patriarca – dopo aver ascoltato la risposta del sottosegretario Sesa Amici, che ha sottolineato come sia importante che l’UNAR svolga un lavoro autonomo ed imparziale, per promuovere la parità in qualunque settore, a partire dalla scuola, ha affermato che se «il Governo dovesse continuare su questa strada, sarebbe per me personalmente un motivo serio per ripensare il sostegno che sto dando nell’azione parlamentare». Un’anima che si è data coraggio, insomma. Non c’è che da augurarsi che le intenzioni manifestate da Gigli siano condivise dai suoi colleghi parlamentari di Scelta Civica, movimento che ricevette un anno fa la “benedizione” perfino della Conferenza Episcopale Italiana, che ha poi dirottato le sue “attenzioni” sul Nuovo Centro Destra di Angiolino Alfano, i cui esponenti – cattolici – rimangono in silenzio nei confronti della strategia adottata dal Governo che hanno concorso a formare e di cui fanno parte.

Una strategia che oltre a ledere la libertà religiosa e la libertà di espressione – ci riferiamo alla proposta di legge sull’omofobia di Ivan Scalfarotto, promosso a sottosegretario – intende sottrarre ai genitori il diritto-dovere d’insegnare ai bambini i principi del diritto naturale, che superano qualsiasi legge, qualsiasi direttiva europea e qualsiasi opuscolo ministeriale.

Se volessero stare dalla parte della Verità e non essere conniventi, ai cattolici che sono presenti in Parlamento consigliamo di praticare l’istituto obsoleto delle dimissioni. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere