I fondi scarseggiano, ora gli jihadisti rubano anche i polli…

Print Friendly, PDF & Email

FranciaCi eravamo già occupati del fatto che i miliziani dell’Isis cominciassero a scarseggiare di fondi, al punto da doversi adattare anche a far gli spacciatori, pur di campare: i soldi di razzie, petrolio, sequestri ed estorsioni, infatti, non bastano più (per saperne di più, cliccare qui ->, qui -> e qui ->).

La situazione, però, dev’essere ormai diventata davvero critica per loro, al punto da costringerli a fare anche i ladri di polli ovvero a rubare per la jihad.

Se n’è accorta a proprie spese la Francia, Besançon in particolare, Comune francese con poco più di 150 mila abitanti. Qui i centri commerciali sono finiti nel mirino dei terroristi islamici. Prima Leader Price, poi Conforama,… L’elenco rischia tristemente di allungarsi.

Chrysopolis è stato l’ultimo bersaglio in ordine di tempo: si tratta di una sorta di grande magazzino di fiori, piante, mobili da giardino, animali domestici e casa, sorto su una superficie di circa 3 mila metri quadri in via Blaise Pascal, a Besançon, nei locali che furono di Delbard. Viene gestito da oltre due anni da quattro soci orticoltori di Saône-et-Loire e della Côte-d’Or. Secondo quanto riportato dal quotidiano L’Est républicain, qui tre uomini col volto coperto da passamontagna – uno dei quali armato di fucile da caccia – hanno fatto irruzione, sbriciolando una vetrina laterale ed esplodendo tre colpi – fortunatamente rimbalzati contro vetrate e vasi -.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Uno dei dipendenti, impegnato a sistemare le piante, si è trovato faccia a faccia con i banditi, che gli hanno ordinato di dar loro tutto il denaro presente in cassa, urlando: «Allah akbar, siamo venuti a racimolare denaro da inviare ai nostri fratelli musulmani partiti per la jihad!».

Sotto la minaccia dell’arma, l’uomo li ha accompagnati dal direttore, un 47enne, a sua volta costretto ad aprire la cassaforte, in cui si trovava una somma tra i 12 ed i 15 mila euro in denaro ed assegni, l’equivalente di tre giorni d’incasso. I banditi sono poi fuggiti col bottino a bordo di una vettura.

Tanto lo spavento, a fronte di questo ennesimo blitz. Gli agenti hanno sentito in commissariato le due vittime, ancora sotto choc ed anche un poco demoralizzate: già due anni fa subirono un furto, che provocò loro una perdita di 30 mila euro. Ora questo nuovo episodio.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Non è difficile prevedere una recrudescenza del fenomeno, anche in altri Paesi europei. Il “fund raising” dei terroristi è probabile che possa farsi sempre più aggressivo e violento, avendo sempre meno entrate e sempre meno sbocchi sui mercati. Determinando un nuovo, inquietante picco nella criminalità, più o meno organizzata: una questione, di cui tenere sicuramente conto.

Donazione Corrispondenza romana