GEORGIA: Putin potrebbe far uccidere Saakashvili

L’obiettivo di Putin è rovesciare il governo georgiano. «Nonostante l’accordo firmato grazie alla Francia, la Russia non si fermerà qui». A lanciare l’allarme, in un’intervista al “Messaggero” (13 agosto 2008), è lo scrittore e dissidente politico ai tempi dell’URSS





L’obiettivo di Putin è rovesciare il governo georgiano. «Nonostante l’accordo firmato grazie alla Francia, la Russia non si fermerà qui». A lanciare l’allarme, in un’intervista al “Messaggero” (13 agosto 2008), è lo scrittore e dissidente politico ai tempi dell’URSS, Vladimir Bukovski, che si spinge al punto di ipotizzare un piano russo per assassinare il presidente georgiano Saakashvili.

«I georgiani – sottolinea Bukovski – sono schierati col presidente, quindi Mosca non può pensare di deporlo. Ma può creare una situazione di caos, portare il Paese all’ingovernabilità. Oppure può assassinarlo. Il suo successore – continua lo scrittore – è già pronto: è un ex agente del Kgb, uomo di Putin, già fuggito dalla Georgia durante la guerra del ’92. Non dimentichiamo che dal 2006 in Russia esiste una legge che avalla l’omicidio degli oppositori politici all’estero».

Donazione Corrispondenza romana