EUTANASIA: la morte arriva per posta

È solo l’ultima aberrazione della cultura della morte ed è giunta per posta nel nostro Paese: un corredo per accertarsi che la sostanza scelta per togliersi la vita sia quella giusta. Il kit Exit drugtest, intercettato a Torino, proviene dalla Exit International, fondazione australiana di «assistenza al suicidio e all’eutanasia volontaria» – così recita il loro sito – fondata dal dottor Philip Nitschke e il cui slogan è «Una morte serena è un diritto di tutti».

La attrezzatura, consistente in una siringa, una soluzione e un portapillole, secondo le indicazioni riportate sulla confezione di colore viola, servirebbe per verificare se un preparato sia o meno Pentobarbital (barbiturico ad azione rapida. n.d.r).

Il kit era destinato a un privato cittadino, ed è stato bloccato prima della consegna. La Procura di Torino ha aperto un’inchiesta e il pubblico ministero, Raffaele Guariniello, ha disposto le analisi sul composto per capire di cosa si tratti ed ha segnalato la vicenda al ministero della Salute (Adnkronos, 19 settembre 2011).

Donazione Corrispondenza romana