Due Papi in Tv: analisi critica della comunicazione vaticana

papi insieme(di Francesco Mastromatteo su Campari&deMaistre) L’elezione di Papa Francesco ha scatenato un’ enorme eco mediatica sulla – vera o presunta – “novità rivoluzionaria” costituita dal nuovo Pontefice.  Vogliamo qui soffermarci meglio sull’epocale incontro avvenuto oggi a Castel Gandolfo con il suo predecessore Benedetto XVI,  un episodio per certi aspetti unico nella storia della Chiesa e pregno di significati simbolici dalle conseguenze non tutte prevedibili e lineari.  Una riflessione che parte dalla storia e dall’essenza stessa del papato, ma che va fatta soprattutto alla luce della potenza, anche distorsiva, che i moderni mezzi di comunicazione di massa possono avere, (complice anche una certa ingenuità dei responsabili della comunicazione vaticana, evidentemente troppo sensibili a un trend mediatico che ha ormai trasformato in un reality anche la vita dei papi).

A partire dal tardo Medio Evo, un ricco dispositivo  rituale e retorico  si è venuto elaborando intorno al tema della caducità e della transitorietà della vicenda terrena dei papi. E’ una ritualità, come ha ben spiegato lo storico Agostino Paravicini Bagliani, poi ripreso dal giovane studioso e blogger Antonio Margheriti, che differenzia il Corpo del Papa da quello del Re. Per il Papa, il rapporto tra corporeità e funzione non si pone come per il Re, che ha un duplice corpo come ha chiarito lo storico E. K. Kantorowicz nel suo celebre libro “I due corpi del Re”, laddove si prendevano in considerazione il corpo naturale del sovrano e uno mistico, assimilabile al regno, considerato sacrale ed immortale, un concetto ripreso dai teorici moderni per meglio imporre l’autorità dello Stato. Il Papa è un sovrano diverso dai Re e dagli Imperatori, perché il suo potere è duplice: spirituale e temporale. Essendo il Papa il vicario di Cristo, e la Chiesa innanzitutto  il corpo mistico di Cristo, la morte dei papi veniva esaltata ritualmente: il Papa doveva apparire chiaramente morto per meglio evidenziare la perpetuità della Chiesa.

Aspetti essenziali della “lunga durata” bimillenaria della Chiesa, tanto più da considerare davanti al caso – storicamente non inedito seppur rarissimo, ma reso inaudito per gli aspetti specifici della vicenda – dell’abdicazione di Benedetto XVI. Per la prima volta nella storia cattolica, due papi, uno regnante e uno “emerito” (per ricorrere alla inconsueta e forse infelice definizione scelta in Vaticano), entrambi vestiti di bianco, si sono ritrovati faccia a faccia, immortalati in immagini che stanno facendo il giro del mondo.

E’ vero, come si fa notare da parte di alcuni, che Ratzinger non indossava la mozzetta bianca, né l’anello piscatorio, segni imprescindibili del ministero petrino, ma questi sono particolari che sfuggono al grande pubblico, al quale rischia di restare impressa nella mente, al di là dei distinguo canonici e teologici, l’immagine dei coesistenti “due papi” (come titolano un po’ tutte le testate) vestiti di bianco. Un Pontefice però non è certo un personaggio qualsiasi, e non ricopre una carica come le altre. Il Papa è il vicario di Cristo,  non il delegato di un sindaco di una cittadina di provincia, dove può capitare che magari due assessori indossino contemporaneamente la fascia tricolore in vece del primo cittadino, come è successo, nonostante la legge lo vieti. Una volta cessato il regno di uno, per morte o rinuncia, ed eletto validamente il suo successore, deve essere chiaro a tutti, anche “mediaticamente”, che di Papa ce n’è uno solo.

Se c’è un detto popolare retorico e fuorviante, è proprio quello secondo cui “l’abito non fa il monaco”. L’abito, ovvero il simbolo, è importantissimo, e se fa il monaco a maggior ragione fa il Papa. La forma spesso è sostanza, e nell’epoca della comunicazione globale di massa, in cui la rete annulla le distanze tra il tempo e lo spazio ma non la potenza altamente significativa dei simboli, un’immagine dice molto più di mille discorsi. Sarebbe ora che se ne accorgessero anche in Vaticano, dove sembra andare di moda la “comunicazione creativa”.   (di Francesco Mastromatteo su Campari&deMaistre)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il nuovo Pantheon dei martiri di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Tra i tanti “gruppi di lavoro” costituiti da papa Francesco c’è la Commissione mista di Esperti croati cattolici e serbi ortodossi per una rilettura in comune della figura del Cardinale Alojzije Stepinac, Arcivescovo di Zagabria che, … Continua a leggere
  • Francesco impone la concelebrazione nei collegi romani
    (di Roberto de Mattei) In Vaticano corre questa voce. A un collaboratore che gli ha chiesto se sia vero che esista una commissione per “reinterpretare” la Humanae vitae, papa Francesco avrebbe risposto: «Non è una commissione, è un gruppo di … Continua a leggere
  • Siamo in piena crisi di fede: intervista a don Nicola Bux
    Pubblichiamo l’intervista di Edward Pentin a don Nicola Bux apparsa ieri, 21 giugno, sul National Catholic Register (qui l’originale in lingua inglese). (Edward Pentin) Quali implicazioni ha l’”anarchia dottrinale” sulla Chiesa e, ancora di più, sulle anime dei fedeli e … Continua a leggere
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • 13 maggio: papa Francesco reinterpreta Fatima 13 maggio: papa Francesco reinterpreta Fatima
    (Roberto de Mattei su “Il Tempo” del 14 maggio 2017) Cinquecentomila persone aspettavano papa Francesco sullla spianata del santuario di Fatima per la canonizzazione dei due pastorelli Francesco e Giacinta, di 9 e 11 anni, che, assieme alla cuginetta Lucia … Continua a leggere
  • Il disordine di Malta
    (di Roberto de Mattei su Il Tempo del 28 aprile 2017) Dopo l’interdetto, il Vaticano ha dovuto fare marcia indietro. L’ex Gran Maestro dell’Ordine di Malta Fra’ Matthew Festing, al quale lo scorso 15 aprile, l’Arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, “in accordo col … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere