Droghe “leggere”, pesante gaffe di Saviano

Print Friendly, PDF & Email

(di Giuliano Guzzo su Libertà e Persona del 07-07-2012)  Nell’ultimo numero del settimanale L’Espresso, Roberto Saviano – scrittore non nuovo a prese di posizione a favore della legalizzazione delle droghe [1] – scrive che c’è «qualcosa di sbagliato nelle politiche unicamente repressive riguardo alle droghe […] se in tanti anni non c’è stato miglioramento» [2].

Di fronte a parole tanto perentorie, quasi sentenziose, verrebbe voglia di chiedere a Saviano su quali basi afferma questa tesi. Lo diciamo soprattutto perché a noi risulta il contrario, e cioè che qualche «miglioramento» nel contrasto al consumo di stupefacenti – fortunatamente – si sia verificato. E pure consistente.

Lo riporta una fonte ufficiale, la Relazione sullo Stato Sanitario del Paese, che a proposito di cannabis, droga che il 22,4% degli italiani dichiara di aver provato almeno una volta, precisa quanto segue: «Per quanto riguarda l’andamento temporale dal 2008 del consumo delle sostanze nella popolazione generale […] è da rilevare una forte diminuzione nel consumo di cocaina, cannabis, stimolanti e allucinogeni, con un decremento oscillante dal 42,9% della cocaina al 56,5% della cannabis» [3]. Si tratta di numeri piuttosto chiari e confortanti, che difficilmente potrebbero essere liquidati sostenendo che «non c’è stato miglioramento».

Di qui una domanda: ma quando scrive della necessità di legalizzare le droghe e di «politiche» che avrebbero fallito, Saviano sa di che sta parlando? Oppure scrive solo per il gusto di esprimere un’opinione? E’ un dubbio che resta.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

[1http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/12/03/news/saviano_contro_il_narcotraffico_necessario_legalizzare_la_droga-26035308/;[2] http://espresso.repubblica.it/dettaglio/legalizziamo-la-marijuana/2185832; [3] Ministero della Salute. Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario – Relazione sullo Stato Sanitario del Paese 2009-2010, p. 337

Donazione Corrispondenza romana