Dopo Napolitano: tra Bonino e Draghi

bonino-napolitano-draghi(di Danilo Quinto) L’accelerazione sulla riforma della legge elettorale – frutto dell’accordo tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, il cosiddetto “Patto del Nazzareno”, rinverdito nei giorni scorsi – è anche propedeutica alle dimissioni dell’attuale Presidente della Repubblica.

Nel senso che Giorgio Napolitano ha fatto chiaramente intendere che vorrebbe concludere il suo secondo mandato a riforma avvenuta, senza accettare l’auspicio di Renzi di attendere fino al prossimo mese di maggio. La speranza del Presidente del Consiglio – che nelle ultime settimane ha visto calare i consensi, sia quelli personali sia quelli che si riferiscono al suo partito – è chiara: superare il periodo in cui sarebbe possibile andare a nuove elezioni, che egli non vuole, in questo momento.

Le dimissioni di Napolitano aprirebbero, quindi, uno scenario politico nuovo, che riguarda tutti i soggetti politici in campo. Innanzitutto Berlusconi, che non vuole farsi sfuggire l’occasione di essere determinante nell’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, così com’è determinante – risulta sempre più evidente – nell’appoggio al “Partito della Nazione” che sta costruendo con grande abilità Renzi.

L’ “apertura” del leader di Forza Italia al Nuovo Centro Destra e ai centristi – la cui presenza è sempre più marginale all’interno del Governo – va letta in questa direzione: tentare di rendere compatto il centrodestra italiano in vista di quella scadenza, anche per evitare l’ “opa” che la Lega di Matteo Salvini sta realizzando, grazie ad una politica accorta, in grado di interloquire con tutto il Paese.

L’altra forza in campo, il Movimento 5 Stelle, continua a svolgere due compiti: essere la “carta di riserva” di Renzi, nel caso in cui l’accordo con Berlusconi non andasse in porto – ipotesi alquanto difficile – e incanalare in un alveo istituzionale, quindi accettabile, la protesta e la rabbia che dilagano, rispetto alla crisi economica che imperversa, nei confronti della quale non viene preso un solo provvedimento adeguato per affrontarla, all’incuria in cui versano vasti territori, sottoposti a piogge inferiori per intensità a quelle di cent’anni fa, che causano però danni ingentissimi e perdita di vite umane, all’abbandono delle periferie urbane delle grandi città, consegnate all’insicurezza e mortificate nella loro dignità.

L’elezione del nuovo Presidente della Repubblica s’inserisce in questo contesto, obiettivamente gravissimo, per molti versi senza precedenti nella storia italiana. Il nuovo “garante della Costituzione” non ne potrà prescindere. Chi, nel panorama attuale, può rivestire questo ruolo e non essere condizionato da una concezione della politica che sempre più sta diventando “mestiere” e che, anche per questo, ignora i bisogni reali delle persone? Gli aspiranti sono tanti. Alcuni di loro – pensiamo a Romano Prodi o a Stefano Rodotà, ad esempio – si possono considerare “bruciati” dalle precedenti elezioni. Altri – la Pinotti, la Finocchiaro, lo stesso Grasso – sono improponibili, perché troppo “marcati” rispetto allo schieramento di appartenenza.

A parte outsider dell’ultima ora – tra questi, Giuliano Amato, che ha già dimostrato di poter ricoprire incarichi per “tutte le stagioni” – sono due i nomi sui quali potrebbe convogliare un consenso bipartisan: Mario Draghi e Emma Bonino. Stanno studiando da tempo entrambi per questa prospettiva ed hanno entrambi solide esperienze e adeguati sostegni internazionali. Certo, il primo deve fare i conti con l’avversità di coloro che attribuiscono – giustamente – alla BCE, responsabilità molto grandi rispetto alla crisi in atto. La seconda, dovrebbe farsi “perdonare” la sua storia. Considerati i consensi di cui gode, anche in ambienti insospettabili, si può ritenere che molti l’abbiano già fatto. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere