Cultura Cattolica:Luca Di Tolve all’Associazione Famiglia Domani: omosessuali non si nasce, si diventa

(di Federico catani) Uscire dall’omosessualità è possibile. Questo il messaggio lanciato da Luca Di Tolve, ex gay militante ora felicemente sposato. Nella conferenza tenuta presso l’Associazione Famiglia Domani il 9 febbraio scorso, l’autore di Ero gay. A Medjugorje ho ritrovato me stesso (Piemme, 2011) ha raccontato al pubblico presente la sua storia.

Figlio di genitori divorziati, Luca si è trovato fin da piccolo a vivere solo con la mamma, che divenne ben presto il suo unico modello e riferimento. L’assenza del padre e le attenzioni della madre lo portarono ad assumere atteggiamenti effeminati che poi sfociarono nell’omosessualità.

Quando si rese conto del suo stato, Luca consultò alcuni psicologi, che però all’unanimità dissero che doveva rassegnarsi al suo orientamento sessuale, accogliendolo con serenità. Da quel momento iniziò per Luca, come egli stesso ha raccontato, una vita di trasgressioni e vizi, a base di sesso, alcol e sostanze stupefacenti. Frequentatore assiduo dei locali gay, che durante la conferenza Di Tolve ha definito «ghetti» in cui ci si isola dalla realtà, animatore di quelle feste fatte di luci e colori volti a soffocare il vuoto interiore, Luca divenne ben presto molto ricco. In una città come Milano non era difficile incontrare fidanzati facoltosi, che permettevano ai loro amanti di condurre una vita agiata.

Luca Di Tolve è stato anche vincitore di Mister Gay, concorso di bellezza per omosessuali e ha fatto parte della dirigenza dell’Arcigay. Poi, all’improvviso, la situazione cambiò. Nel momento in cui molti dei suoi amici o dei suoi compagni morirono di Aids, Luca iniziò a riflettere sulla sua condizione.

La svolta arrivò quando si rese conto di essere egli stesso sieropositivo. I medici gli avevano dato tre mesi di vita. Di Tolve ha confessato che in quel momento ebbe un crollo. Benché avesse una spiritualità tutta sua, legata principalmente ai culti orientali, incominciò a pregare la Madonna con una corona del Rosario che trovò in casa.

Poi andò subito a confessare i propri peccati ad un frate, il quale lo incoraggiò invitandolo a comportarsi da buon cristiano. Da allora, grazie a validi psicologi e a buoni sacerdoti, Luca ha intrapreso il duro cammino che lo ha portato al pieno recupero della sua identità maschile.

Di grande aiuto, oltre all’adorazione eucaristica e alla frequenza assidua ai sacramenti, è stata la terapia dello psicologo americano Joseph Nicolosi, autore di molti libri sul tema dell’omosessualità. Come ha sottolineato Di Tolve, se è vero che lobby omosessualiste, per meri interessi economici e ideologici, hanno fatto pressione affinché l’Organizzazione mondiale della Sanità rimuovesse l’omosessualità dalle patologie, è altrettanto vero che la stessa organizzazione internazionale richiama gli psicologi al dovere di aiutare i gay che non accettano la propria condizione e decidono di ricorrere alla psicoterapia.

Proprio per questo, Di Tolve, insieme a sua moglie Teresa, ha deciso di dar vita al Gruppo Lot, una onlus cattolica che, con la collaborazione di psicologi e sacerdoti, mira a soccorrere tutte le persone sofferenti  che portano dentro di sé ferite e dipendenze a livello emotivo, relazionale e di identità sessuale.

Le richieste di aiuto provengono da ragazzi e ragazze di tutta Italia. Pertanto, il Gruppo Lot, posto sotto il patrocinio della Madonna, si affida alla generosità di quanti vogliano sostenerlo, in modo che riesca a portare il suo messaggio di speranza e consolazione a quante più persone possibili. Una sfida al politicamente corretto e all’ideologia del gender oggi dominante. (Federico Catani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il senso del mistero del padre Garrigou-Lagrange
    (di Emmanuele Barbieri) Il padre domenicano Réginald Garrigou-Lagrange (1877-1964) fu una delle più profonde menti speculative del XX secolo. Va dato merito alla casa editrice Fede & Cultura di averne avviato la riscoperta, grazie all’impegno di un giovane studioso, Marco … Continua a leggere
  • Christian Spaemann sul vertice di Roma
    (di Dr. Christian Spaemann) Il cosiddetto vertice sugli abusi a Roma si è trasformato in un vertice del non detto e sottaciuto. Il cardinale Blase Cupich, uno degli organizzatori, ha ritenuto di poter liquidare il problema della lobby omosessuale nel … Continua a leggere
  • La propaganda LGBT+ va in onda a reti unificate
    (di Lupo Glori) “Il transgenderismo spiegato ai bambini”. Sarebbe potuto essere questo il sottotitolo della vergognosa puntata del programma Alla lavagna!, andata in onda in seconda serata su Rai 3 lo scorso 19 gennaio, che ha visto l’ospite di turno, … Continua a leggere
  • Ricordiamo “Giovannino” Guareschi
    (di Cristina Siccardi) C’era una volta Giovannino Guareschi, l’uomo “provinciale” dai grandi occhi e dai grandi baffi, così intelligente da non essere un intellettuale da salotto; non l’opinionista, ma il giudice realista e sagace che usava criteri di ragione e … Continua a leggere
  • La «banalità» del dolore innocente
    (di Giovanni Tortelli) Basta «un nonnulla» per abbatterci, secondo la lapidaria pensée di Pascal, il non nulla dell’attimo in cui un ponte crolla o la terra trema, e non c’è più scampo. L’evento nefasto e imprevedibile che si abbatte all’improvviso … Continua a leggere
  • La festa delle stimmate di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Quando san Francesco scoprì che soltanto nel silenzio, nella preghiera, nei Sacramenti si può stare in comunione stretta con Dio, egli prese ad ambire alla solitudine eremitica, quindi divenne per lui un’abitudine ritirarsi, come Gesù, nei luoghi … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Il Portogallo introduce il cambio di sesso a 16 anni
    (di Lupo Glori) Giovedì 12 luglio 2018 il parlamento portoghese, seguendo le orme di Danimarca, Malta, Svezia, Irlanda e Norvegia, ha approvato un disegno di legge che consentirà ai suoi cittadini che hanno compiuto i 16 anni di età di … Continua a leggere
  • La vera arte sacra di Barbara Ferabecoli
    (di Cristina Siccardi) Se alla Galleria d’Arte Moderna «Raccolta Lercaro» di Bologna si lavora dal 1971 per un «dialogo» fra Chiesa e mondo contemporaneo attraverso la presunta arte («L’arte» in genere, affermava il Cardinale, «ha un’intrinseca dimensione religiosa»), nel laboratorio … Continua a leggere
  • Una vita offerta per il matrimonio cristiano
    (di Cristina Siccardi) La Chiesa non ha mai fatto distinzione di santità fra il ricco e il povero, fra il dotto e il semplice perché Dio, Uno e Trino, giudica il grado di Fede e non altro. Allo stesso modo … Continua a leggere