Cristianofobia, nel 2013 in Europa 241 casi accertati

Report 2013Lo scorso 15 maggio è stato presentato dall’Osservatorio sull’intolleranza e la discriminazione contro i cristiani il proprio Rapporto 2013, Rapporto che fotografa la situazione in Europa: 241, in particolare, i casi evidenziati.

Per l’occasione, la Direttrice, dottoressa Gudrun Kugler, ha sottolineato come «la crescente secolarizzazione limiti sempre di più in Europa i cristiani nell’esercizio delle propria libertà. Vi sono governi e gruppi di pressione, che cercano in tutti i modi e sempre più di mettere all’angolo la religione ed in special modo quella cristiana. Attraverso il nostro lavoro di ricerca e documentazione, cerchiamo di formare una consapevolezza piena del problema. Ciò è necessario, per realizzare quanto meno la coesistenza di sensibilità e atteggiamenti diversi» e trovare una «soluzione ragionevole».

Tre le categorie individuate nel Rapporto 2013: gli attacchi anti-cristiani veri e propri; l’intolleranza verso i cristiani in politica e nel diritto; quella nell’arte e sui media. Sorprendentemente non esistono nei Paesi europei studi o statistiche, che mettano a fuoco e quantifichino gli atti cosiddetti vandalici – leggasi sacrileghi – contro i luoghi cristiani. In merito, nel 2012 si registrò un incremento, confermato sostanzialmente anche lo scorso anno almeno dai pochi dati ufficiali disponibili, sia pure il tutto “derubricato” al rango di generici «crimini d’odio»: ne sono stati accertati 133 in 11 differenti Paesi.

Le discriminazioni dei cristiani avvengono soprattutto sotto forma di restrizioni alla libertà di coscienza, d’espressione o tramite i limiti imposti all’esercizio della genitorialità. Mezzi di comunicazione e social network sono divenuti il nuovo «parco giochi» dell’intolleranza. 41 le leggi emanate lo scorso anno in 14 Paesi europei, limitanti il libero esercizio della religione cristiana. E questo avviene ogni giorno, sotto i nostri occhi, salvo lodevoli eccezioni nell’indifferenza e nel silenzio generale.

Donazione Corrispondenza romana