Colombia: profanarono una Cappella, scomunicati

ColombiaLa Diocesi di Magangué, Colombia, ha confermato la notizia: sono stati scomunicati coloro che lo scorso 24 agosto, all’una del mattino, hanno profanato la cappella dell’Oratorio presso la Casa Focolare di Maria Bambina, nel quartiere Santa Rita, cappella (nella foto, l’ingresso) gestita dalla Congregazione delle Suore dell’Annunciazione. A comunicarlo, è stato il sito ufficiale della Conferenza Episcopale di Colombia.

La decisione è stata assunta in applicazione del can. 1367 del Codice di Diritto Canonico: «Chi profana le specie consacrate oppure le asporta o le conserva a scopo sacrilego – è scritto – incorre nella scomunica latae sententiae riservata alla Sede Apostolica». Il decreto relativo, il n. 46 del 2014, è stato quindi emanato dalla Cancelleria della Curia, firmato dall’Amministratore apostolico, mons. Hernán Giraldo Jaramillo, e dal Cancelliere diocesano, Padre Lewis José Gómez Medina, disponendo tra l’altro che fosse resa pubblica sia la gravità del delitto commesso sia l’entità della pena, in cui sono incorsi i suoi autori.

I malviventi erano penetrati nottetempo nella struttura, passando attraverso il cortile di una casa vicina. Una volta all’interno dei locali hanno sottratto le Ostie consacrate, il tabernacolo, due ciborii ed altri oggetti. In parte il bottino è stato recuperato, purtroppo non le particole.

Ora la cappella della Casa di Maria Bambina resterà parzialmente chiusa sino al 29 settembre, quando mons. Jaramillo compirà un rito di riparazione, per consentire alla struttura di tornare ad una piena fruizione liturgica e spirituale.

Donazione Corrispondenza romana