CLIMA: ragioniamo a mente fredda

Avevano detto che il 2008 sarebbe stato l’anno più caldo del millennio. Invece fa freddo con punte di meno venti e meno trenta a cui non eravamo più abituati. Avevano detto che la neve non sarebbe caduta, che i ghiacciai si sarebbero ritirati e che sarebbe diventato sempre più difficile sciare. Invece la neve è caduta in abbondanza già nel tardo autunno e continua a cadere abbondante anche a quote basse e nelle città. Avevano detto che avremmo avuto un autunno e un inverno senza precipitazioni.


Invece il Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano sostiene che non è mai piovuto così tanto e che dicembre 2008 si colloca al sesto posto nella classifica delle precipitazioni dei mesi di dicembre negli ultimi 208 anni. Hanno detto che i Poli si stavano sciogliendo e soprattutto il Polo Nord stava diventando sempre meno esteso. Invece già nel 2008 durante l’estate i ghiacci al Polo Nord erano più estesi di mezzo milione di chilometri quadri rispetto al 2007.

L’estensione dei ghiacci si è così allargata e consolidata che quando durante l’estate tre autorevoli sostenitori del riscaldamento globale come Jimmy Carter, George Soros e Ted Turner, sono andati nel Nord della Groenlandia, il rompighiaccio su cui viaggiavano non è riuscito a passare, tanto era spesso e robusto il pack di ghiaccio. E dire che i tre volevano fotografare lo scioglimento dei ghiacci polari. Inoltre l’estensione dei ghiacci del Polo Nord sembra sia tornata quella del 1979. Certo un autunno ed un inverno un po’ più freddi del solito non sono sufficienti per dimostrare quanto falsa sia la teoria del riscaldamento globale. Né per sostenere che stiamo andando verso una nuova glaciazione. Bisognerà vedere cosa accadrà nei prossimi anni. Siamo certi che alla prima giornata calda, i sostenitori del global warming torneranno a suonare la grancassa della Terra che ha la febbre per colpa delle attività lavorative umane. Però, alcune considerazioni bisognerà farle.

Come abbiamo provato a farle con Marco Gaia nella puntata di “Contesto” andata in onda sulla TSI. E questa volta bisogna conoscere ai tanti scienziati scettici della teoria del global warming, che molti degli argomenti critici avevano solido fondamento. La teoria secondo cui l’aumento della concentrazione di anidride carbonica avrebbe portato inevitabilmente ad un surriscaldamento del pianeta, si è dimostrata troppo riduttiva e manichea. La produzione di anidride carbonica è aumentata sicuramente sul pianeta. Basti pensare alla crescita delle economie, dei trasporti e dei consumi energetici di Cina, India, Brasile, Messico, ecc. che si sono aggiunte a quelle dei Paesi più avanzati. Ma, come è evidente, questo non ha affatto stravolto il clima in un modo da far venire la febbre al pianeta.

I modelli matematici costruiti su questa ipotesi si sono dimostrati inaffidabili e molto lontani dalla realtà. Già non riuscivano a spiegare quanto accaduto nella storia passata della terra, ma ora tutte le previsioni, anche a breve termine, si sono rivelate errate. Cadono in particolare le tesi secondo cui sono la crescita dell’umanità e delle sue attività lavorative le cause di un presunto e catastrofico riscaldamento del pianeta. In un Rapporto depositato l’11 di dicembre al Senato Americano, 650 tra i più qualificati scienziati di fama internazionale, alcuni premi Nobel, hanno spiegato il fallimento delle tesi “catastrofiste” e “colpevoliste” nei confronti del lavoro umano e chiesto di allargare l’orizzonte di ricerca, cercando di valutare altre ipotesi scientifiche e modelli matematici che tengano in conto, tra l’altro, dell’influenza del sole e delle stelle, del comportamento degli oceani, delle variazioni del vapore acqueo e degli strari nuvolosi.

Insomma, è giusto, soprattutto per ragioni di salute pubblica, ridurre le emissioni gassose prodotte dalla combustione dei combustibili fossili soprattutto nei centri urbani, ma una sana politica ambientale si fa per l’uomo, non contro l’uomo. La conoscenza scientifica è uno strumento per migliorare la qualità e la durata della vita, non un totem contro cui scatenare paure e giacobini o sacrificare le nascite e i consumi. È quindi tempo di pensare a politiche per una vera e bella ecologia umana. A mente fredda forse si ragiona meglio.

Donazione Corrispondenza romana