Clemente X e il Giubileo nella Roma barocca

(di Lorenzo Benetti) Emilio Altieri nacque nel 1590 a Roma, in una nobile famiglia che sovente aveva prestato i propri servigi al Papato ed aveva dato alla Chiesa numerosi chierici, letterati e condottieri. Avviato agli studi canonici e giuridici presso La Sapienza, intraprese la carriera di avvocato e dal 1623 lavorò presso la nunziatura in Polonia. Ordinato sacerdote, fu nominato vescovo di Camerino, governatore dell’Umbria e nunzio apostolico nel Regno di Napoli.

Nel 1667 Clemente IX lo designò suo maestro di camera, incarico di grande prestigio a coronamento di una vita spesa al servizio della Chiesa: il Papa lo considerò suo uomo di fiducia e furono anni di stretta collaborazione tantoché, pochi giorni prima di morire, lo fece cardinale. Emilio Altieri aveva 79 anni e il papa, nel conferirgli la berretta rossa, gli profetizzò: «Sarai il nostro successore»; e, in effetti, fu eletto Sommo Pontefice nel successivo conclave. Con veemenza rifiutò la nomina, conscio della propria salute precaria e dell’onere dell’incarico, e dovette esser trascinato a forza dalle sue stanze per essere incoronato: in lacrime, accettò la volontà dello Spirito Santo e in memoria del suo benefattore assunse il nome di Clemente X.

Si circondò di collaboratori esperti che potessero sostenerlo nel governo dello Stato Pontificio, migliorò le condizioni di vita dei suoi sudditi e abbellì l’Urbe. «Adoperava con parsimonia i denari della Chiesa, di cui diceva di non essere padrone, ma amministratore», scrive l’ambasciatore veneziano: ciò nonostante, non riuscì a contrastare la corruzione e gli abusi dei suoi ministri, di cui spesso era ignaro. Sul fronte politico e religioso, il Papa condannò le ingerenze del Re Sole nel governo degli episcopati e le tendenze all’autonomia della Chiesa francese e si occupò della difesa dell’Europa dai Turchi: nel 1672 il sultano Maometto IV aveva invaso i Balcani, e il Pontefice finanziò Giovanni III di Polonia che ne fermò l’avanzata in Occidente.

«Gioite, o popoli, ed esultate, o genti, perché con l’autorità della parola apostolica annunziamo a tutti i cristiani una grande gioia: (…) si avvicina, infatti, l’anno del Giubileo, anno santo di remissione, di grazia e di perdono»: nonostante la salute malferma, Clemente X non rinunciò alla celebrazione del XV Giubileo, che indisse nel 1674 con la bolla Ad apostolicae vocis oraculum. Dal 1475, il Giubileo aveva assunto cadenza venticinquennale, e così è rimasto fino ad oggi: il giorno dell’Ascensione fu annunciato al mondo cattolico l’Anno di penitenza e remissione dei peccati. Per evitare speculazioni, fu vietato di alzare i prezzi di merci e alloggi, e Roma fu ripulita e abbellita: il grande scultore Bernini offrì ai visitatori uno dei suoi ultimi doni artistici, il Tabernacolo del Ss. Sacramento in San Pietro, e furono approntate camere con letti e coperte di lana per tutti i pellegrini.

Il 24 dicembre, il Papa aprì la Porta Santa – introdotta per la prima volta nel Giubileo del 1500 – dando l’avvio a fastose celebrazioni che coniugarono l’aspetto devozionale e liturgico a quello spettacolarmente barocco. Le splendide cerimonie furono organizzate magistralmente, le solenni processioni si susseguirono quotidianamente, animate da fiaccolate, cortei di popolo e cavalieri e macchine celebrative: queste erano apparecchiature teatrali meccanizzate che raffiguravano scene evangeliche, capaci di produrre suoni ed effetti speciali, in uno sfoggio destinato a stupire e incantare lo spettatore: una magnificenza volta a celebrare la gloria del Signore e sorprendere i fedeli.

A rinfocolare il fervore religioso furono chiamati numerosi predicatori, e si registrò l’afflusso di quasi un milione di pellegrini: tra questi, molti aristocratici e una regina, Cristina di Svezia. La sovrana protestante infatti aveva abdicato e si era convertita al cattolicesimo, trasferendosi a Roma: visse intensamente il Giubileo, e durante la Settimana Santa lavò i piedi a 12 pellegrine lasciando grandi offerte in abiti e denaro.

Le Confraternite ospitarono oltre mille romei al giorno, provenienti da ogni angolo del mondo, prova tangibile di come Roma fosse veramente cattolica, universale: le conversioni furono innumerevoli e le piazze non riuscivano a contenere i fedeli. Clemente X, malfermo, partecipò raramente alle cerimonie liturgiche che caratterizzarono quelle giornate di preghiera ed espiazione, ma la sua carità si fece sentire: il Venerdì Santo, ad esempio, offrì la cena a ben 13.000 pellegrini, e non vi fu giorno che non domandasse se vi era povero o peccatore che avesse bisogno di aiuto. (Lorenzo Benetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Fare chiarezza sull’Amoris laetitia: una nuova voce si leva
     (di Emmanuele Barbieri) Il convegno organizzato il 22 aprile a Roma da La Nuova Bussola quotidiana e da Il Timone ha rappresentato una nuova importante tappa nella lunga serie di iniziative che, da un anno a questa parte hanno messo … Continua a leggere
  • La crisi ariana del IV secolo
    (di Cristina Siccardi) All’Alba del IV secolo, il cristianesimo, estesosi in tutto l’Impero romano, deve affrontare la prima persecuzione lunga e feroce della sua storia. La seconda, la stiamo vivendo noi, ora. La Verità portata da Gesù Cristo rischiava di … Continua a leggere
  • Lo scandalo dei nostri tempi
    (di Roberto de Mattei) Il mondo è pieno di scandali e Gesù dice: «Guai al mondo per causa degli scandali» (Mt 18, 6-7). Lo scandalo, secondo la morale cattolica, è il comportamento di chi causa il peccato o la rovina … Continua a leggere
  • La Chiesa “viva”
    (di Cristiana de Magistris) Quando, durante il processo dell’apostolo Paolo, il procuratore della Giudea Festo si trovò nella necessità di spiegare al re Agrippa le imputazioni portate dai Giudei contro Paolo, le riassunse dicendo che gli accusatori avevano contro di … Continua a leggere
  • Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata
    (di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi … Continua a leggere
  • È una guerra di religione
    (di Roberto de Mattei) La strage di Tanta e di Alessandria è un brusco richiamo alla realtà per papa Francesco, alla vigilia del suo viaggio in Egitto. Gli attentati in Medio Oriente, come in Europa, non sono sciagure naturali, evitabili … Continua a leggere
  • Il Processo di Cristo e il processo della Chiesa
    (di Cristiana de Magistris) Nel Tempo di Passione, che abbraccia le due settimane che precedono la Pasqua, la Chiesa contempla in lutto i dolorosi avvenimenti che segnarono l’ultimo anno della vita del Redentore del mondo (Settimana di Passione) e l’ultima … Continua a leggere
  • Il vero volto di san Francesco d’Assisi e sant’Ignazio di Loyola
    (di Cristina Siccardi) Il Papa porta con orgoglio il nome di san Francesco d’Assisi ed è orgogliosamente erede della dinastia religiosa fondata da sant’Ignazio di Loyola, ma né dell’uno, né dell’altro ne è testimone. Il vero volto di san Francesco … Continua a leggere
  • Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
    (di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia … Continua a leggere
  • Le responsabilità di mons. Vincenzo Paglia
    (di Mauro Faverzani) L’intera vicenda pecuniaria è stata ripercorsa, con dovizia di particolari, venerdì 24 marzo dal quotidiano La Verità: riguarda il processo, presso il tribunale penale di Terni, relativo alla compravendita del castello di San Girolamo, a Narni. Nell’estate … Continua a leggere