CINA: condannato l’attivista Hu Jia

Print Friendly, PDF & Email

L’attivista per i diritti umani Hu Jia, fra i principali contestatori della politica cinese in Tibet, è stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione per «istigazione a sovvertire i poteri dello Stato».





L’attivista per i diritti umani Hu Jia, fra i principali contestatori della politica cinese in Tibet, è stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione per «istigazione a sovvertire i poteri dello Stato».

Il verdetto della Prima Corte Intermedia di Pechino, alimenterà senza dubbio le polemiche internazionali nei confronti della Repubblica Popolare, a pochi mesi dai Giochi Olimpici, e mentre è in corso la brutale repressione nel Tibet.

Hu era finito in prigione a fine dicembre 2007 dopo aver trascorso quasi sette mesi agli arresti domiciliari, misura a cui restano sottoposte sua moglie Zeng Jinyan, anche lei nel mirino del regime, e la loro figlioletta. Interrotta la linea telefonica della loro casa.

Noto per le campagne a favore dei malati di Aids delle aree rurali, Hu si è distinto per l’attivismo in difesa delle prerogative democratiche, della libertà di religione e dell’autodeterminazone per il popolo tibetano. Ma più d’ogni altra attività, gli sono costate care le critiche al Partito Comunista con una serie di jos_content_2 di denuncia contro gli abusi del regime, pubblicati «dentro e fuori la Cina», anche via Internet, e il fatto di aver avuto contatti con giornalisti stranieri. In giudizio si era proclamato innocente, pur riconoscendo come «eccessive» alcune sue dichiarazioni.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

«Queste le prove a suo carico», spiega l’avvocato difensore Li Fangping, che definisce «ingiusta» la condanna. «La nostra posizione è che, in base alla Costituzione, i cittadini hanno diritto alla libertà di parola, e che quindi gli addebiti mossi dalla pubblica accusa non hanno ragione di sussistere. Per quanto concerne il collegio difensivo, una pena detentiva di tre anni e mezzo è inaccettabile».

Li aggiunge che consiglierà al proprio assistito di presentare appello, ma precisa di non essere stato in grado di parlare con lui dopo la sentenza.

La condanna del dissidente pro-tibetano segue di appena un paio di settimane quella a cinque anni di reclusione inflitta ad un altro importante oppositore, Yang Chunlin, un ex contadino finito in carcere per accuse analoghe a quelle mosse a Hu. Nel suo caso, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la raccolta di oltre 10.000 firme in calce a una petizione intitolata Vogliamo i diritti umani, non l’Olimpiade.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana