Chiesa cattolica: preghiere e calamità naturali

(di Veronica Rasponi) Nei tempi antichi ma anche nei secoli a noi più vicini, e finanche nei tempi più recenti, vescovi e parroci, in occasione di calamità naturali od epidemie, erano soliti indire processioni e novene pubbliche con grande concorso di popolo per scongiurare questi castighi od anche più semplicemente  per invocare la pioggia in caso di grandi siccità. Si rivolgevano quindi, vescovi e parroci, alla Divina Provvidenza forti del convincimento cristiano che tutto viene da Dio e quindi a Dio bisogna rivolgersi per invocare l’ aiuto divino e chiedere la cessazione dei flagelli naturali che colpiscono l’umanità.

Di esempi, soltanto in Italia, se ne possono fare a centinaia, limitiamoci a ricordare la processione con le reliquie di sant’Agata per fermare la lava che stava per sommergere Catania, le invocazioni a san Gennaro per arrestare le eruzioni del Vesuvio a Napoli, le preghiere e le processioni indette da san Carlo Borromeo per scongiurare la peste a Milano, la processione indetta da san Gregorio Magno per arrestare la peste che mieteva vittime nella città di Roma. Nel corso di questa processione, san Michele Arcangelo apparve sulla sommità del Castello (che da questo evento prende il nome) mentre riponeva la spada per indicare che il flagello della peste si sarebbe arrestato a seguito delle pubbliche preghiere indette dal Santo Padre.

Per venire a tempi recentissimi vogliamo ricordare che nei primi mesi di questo anno 2012 il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, ha chiesto di effettuare processioni e pubbliche preghiere per invocare la pioggia sulla Toscana che, a causa della siccità, già cominciava a subire danni gravissimi alle sorgenti sempre più povere di acqua,  ai boschi ed alle coltivazioni in generale, gravemente danneggiate dalla mancanza di pioggia; fatto sta che dopo i primi tre mesi di grave siccità nel corso del mese di aprile le piogge sono state abbondanti e tali da ristabilire l’equilibrio idrico necessario alla campagna.

In occasione invece dei recenti terribili terremoti che hanno colpito e ancora minacciano l’Emilia e la zona del Ferrarese sembra che i Presuli abbiano perso la parola. Non si sono infatti sentite voci in tal senso, ma si ha la desolante  impressione che ci si limiti a conoscere soltanto le previsioni che i sismologi ed i geologi ci comunicano ogni sera per dirci quanto a lungo durerà lo sciame sismico, riducendoci a studiare le forze della natura e le capacità umane di opporsi a questa tragedia.

È vero che ove lo sciame sismico si estinguesse a seguito delle preghiere e delle processioni gli scettici e gli atei direbbero che sono cessate le scosse per cause naturali e si divertirebbero alle spalle dei Vescovi, dei Parroci e di chi, come noi crede ancora nella efficacia della preghiera. Ma a noi basta guardare più in alto e contemplare l’Arcangelo San Michele che rinfodera la spada per indicare la fine della peste a Roma. (Veronica Rasponi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano … Continua a leggere
  • Santa Teresa e l’Istruzione Cor Orans
    (di Cristina Siccardi) I santi, quando si tratta di difendere l’integrità della fede, il bene della Chiesa, la Regola del proprio ordine/congregazione non si risparmiano e, dispiegando eroicamente ogni tipo di risorsa, sostenuti dalla Grazia divina, escono vittoriosi con i … Continua a leggere
  • La vocazione della nostra epoca
    (di Roberto de Mattei) Ogni uomo ha una sua specifica vocazione. Ciò che Dio chiede ad ogni anima, costituisce la sua vocazione che è la forma speciale nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. Ogni uomo … Continua a leggere
  • Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Il “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che … Continua a leggere
  • Dalla Gaudium et spes a Humanae vitae
    (di P. Serafino M. Lanzetta) La grave crisi morale di abusi sessuali che investe la S. Chiesa ha radici molto più profonde del cattivo comportamento di alcuni sacerdoti e prelati. E non è sicuramente espressione di quella debolezza umana che … Continua a leggere
  • La vita contemplativa secondo santa Ildegarda
    (di Cristina Siccardi) Il sacrario dei chiostri di vita contemplativa femminile è violato dalle ultime disposizioni emanate dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. La Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua … Continua a leggere
  • Il VII pellegrinaggio del Populus Summorum Pontificum
    (di Marco Sgroi) Per la settima volta a partire dal 2012, alla fine della scorsa settimana Roma ha accolto il Populus Summorum Pontificum per l’ormai abituale pellegrinaggio annuale ad Petri Sedem: il devoto cammino dei fedeli, provenienti da ogni parte … Continua a leggere
  • Mons. Viganò e l’ora del giudizio
    (di Roberto de Mattei) Nel clima di silenzio e addirittura di omertà che regna nella Chiesa è ancora una volta risuonata la voce dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò che, replicando al cardinale Marc Ouellet, ha ribadito che lo scandalo McCormick, è … Continua a leggere
  • Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò
    Riportiamo la lettera aperta che mons. Charles Pope, parroco della Chiesa di Holy Comforter-Saint Cyprian di Washington, ha scritto in sostegno al terzo documento di mons. Carlo Maria Viganò (http://www.ncregister.com/blog/msgr-pope/reflections-on-archbishop-viganos-courageous-third-letter). Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò was last modified: … Continua a leggere
  • Radici e frutti della vera santità: san Francesco Marto
    (di Cristina Siccardi) Il titolo della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi (3-28 ottobre) è I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. I giovani sempre meno scelgono il sacerdozio, la consacrazione religiosa e il sacramento del matrimonio. … Continua a leggere