CHIESA CATTOLICA: nuova legge sulla “libertà religiosa” in Spagna

Mentre in Italia proseguono le polemiche relative alla rimozione del Crocifisso dai luoghi pubblici, la Spagna di Zapatero si appresta a passare in questi giorni dalle parole ai fatti.
É infatti in procinto di essere approvata dal parlamento spagnolo la nuova legge sulla “libertà religiosa”, fortemente voluta dal premier socialista, i cui dettagli sono stati anticipati dalla testata spagnola “El Paìs”.


Stando alle indiscrezioni, la scure del laicismo zapateriano sembra destinato ad abbattersi su ogni esternazione pubblica di religiosità, di cui il Crocifisso è solo una delle molteplici espressioni. La nuova legge, composta da 37 articoli, vieterà infatti anche la celebrazione di funerali di stato cattolici, sostituiti da cerimonie laiche. Come temuto, però, la presunta «neutralità dei pubblici poteri di fronte alla religione» non andrà a colpire simboli religiosi ed identitari appartenenti ad altri credo, uno su tutti il velo integrale islamico.

Sebbene favorevole a una normativa in merito, il ministro della giustizia spagnolo – Francisco Caamaňo – si è infatti affrettato a dichiarare che in alcuni casi la legge dovrà applicare «il senso comune e la tolleranza». Una tolleranza, come spesso accade, a senso unico.

Donazione Corrispondenza romana