Chiesa cattolica: la “regula fidei” nelle epoche di crisi

(di Corrado Gnerre) «Nei primi trent’anni della vita della Chiesa, non vi fu che la Tradizione, ovvero la testimonianza e l’insegnamento degli apostoli. La Tradizione cattolica non è altro che l’insegnamento di Gesù tramandato agli Apostoli e da loro ritrasmesso di generazione in generazione». Così afferma il professor Roberto de Mattei nel suo recente libro: Apologia della Tradizione (Lindau, Torino, p. 97), che è un poscritto al discusso testo dello stesso autore, Il Concilio Vaticano II. Una storia mai scritta, vincitore dell’ultima edizione del premio Acqui Storia.
Apologia della Tradizione è però un libro che va oltre. Volutamente s’inserisce nell’attuale dibattito in merito al giusto rapporto tra Tradizione, Magistero e Scrittura.
Si tratta di un dibattito che non dovrebbe esistere, in considerazione del fatto che la dottrina di sempre parla chiaramente di come impostare tale rapporto, nel senso che la Tradizione giudica il Magistero e il Magistero giudica la Scrittura.

Bene fa de Mattei ad affermare: «Essendo il Magistero il potere di insegnamento della Chiesa, esso si distingue dalla Tradizione, perché sulla Tradizione oggettiva si fonda e dalla Tradizione “attiva”, che è la Chiesa, dipende. Il Magistero non è la Tradizione, perché la riceve ed è esercitato per garantirla. Se si identificasse con la Tradizione, potrebbe “crearla” o comunque “accrescere” la Rivelazione, invece di limitarsi a riceverla e a trasmetterla» (p. 108).

Ma purtroppo questo dibattito è in atto. Ed è in atto non solo a causa di chi, appoggiando una linea teologica neomodernista, vorrebbe affermare che il Magistero vivente (intendendo per “vivente” la capacità di allinearsi e conformarsi al divenire della storia) sia l’unica Tradizione esistente; ma anche a causa di chi, pur partendo da posizioni conservatrici, vorrebbe difendere qualsiasi intervento magisteriale solo perché magisteriale.

Questi ultimi molto spesso affermano che ci deve essere pur qualcuno che interpreti la Tradizione, ma giustamente de Mattei risponde: «Qualcuno pone la domanda: chi interpreta la Tradizione? La questione è impropria, essendo la Tradizione innanzitutto “regula fidei”, ovvero criterio e non oggetto di interpretazione» (p. 109).

L’autore ci tiene ad affermare che lo stesso termine “magistero” non è esistito da sempre, ma «che ha iniziato a diffondersi nel linguaggio teologico solo nel secolo XIX. Il Magistero, infatti, non è un soggetto teologico in sé autonomo, ma un potere o, se si preferisce, una “funzione” della Chiesa. Di fronte al liberalismo, molti teologi vollero rafforzare il ruolo di questo potere, proponendolo come “regola prossima” della fede, quasi potesse riassumere in sé la Chiesa, i Concili e il Papa.

È significativo però che non esiste la voce “Magistero” né nel Dictionnaire Apologétique de la Foi Catholique del padre Adhemar d’Ales (1911-1922), né nel celebre Dictionnaire de Théologie Catholique (1909-1950), e neppure nell’altrettanto nota Enciclopedia Cattolica (1949-1954) promossa da Pio XII» (p. 93).

Riaffermare queste convinzioni, che attengono alla dottrina di sempre del Cattolicesimo, è indispensabile in un contesto come quello attuale dove la dimenticanza dell’autentico rapporto delle fonti della Rivelazione contraddistingue – come già detto – tanto coloro che vogliono demolire la verità cattolica in nome del progressismo quanto coloro che vogliono sì proteggerla, ma evitando volutamente di utilizzare una sana e necessaria difesa della Tradizione.

E invece è proprio l’esistenza e la fedeltà alla Tradizione ciò che contraddistingue la Chiesa Cattolica. Roberto de Mattei così conclude il suo libro: «Una, santa, cattolica e apostolica, la Chiesa cattolica è oggi più che mai romana, perché la romanità non è altro che la sua Tradizione vissuta nello spazio e nel tempo; ed è militante, perché Essa combatte sulla terra, prima di soffrire in Purgatorio e trionfare in Paradiso: formata da militi che, secondo l’insegnamento di san Paolo (1 Cor. 9, 26), fanno della lotta la regola della loro vita terrena. Soldati fedeli della Chiesa militante, vogliamo solo sollevare la bandiera della Tradizione cattolica, di cui siamo anche noi indegni portatori» (p. 151). (Corrado Gnerre)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere