CHIESA CATTOLICA: in autunno i nuovi Cardinali

«Concistoro a novembre, ecco i nuovi cardinali» titola in prima pagina “Il Messaggero” (13 agosto 2007). «Il secondo concistoro dell’era Ratzinger – si legge nell’articolo della vaticanista Franca Giansoldati – con ogni probabilità sarà annunciato il 24 ottobre prossimo, al termine dell’udienza generale del mercoledì […]. L’elenco (in via di composizione) dovrebbe riguardare almeno 17 principi della Chiesa con meno di 80 anni, tanti saranno, per quella data, i posti disponibili per arrivare al tetto dei 120», questo il numero dei cardinali elettori fissato da Paolo VI nel 1970, e «la cerimonia, solenne e suggestiva, che prevede l’imposizione della berretta vermiglia, il giuramento “usque ad effusionem sanguinis” e il dono dell’anello, sarà celebrata a cavallo dell’ultimo fine settimana di novembre, festa di Cristo Re (23 novembre), ricorrenza che precede l’ultima domenica dell’anno liturgico prima dell’Avvento».





«Concistoro a novembre, ecco i nuovi cardinali» titola in prima pagina “Il Messaggero” (13 agosto 2007). «Il secondo concistoro dell’era Ratzinger – si legge nell’articolo della vaticanista Franca Giansoldati – con ogni probabilità sarà annunciato il 24 ottobre prossimo, al termine dell’udienza generale del mercoledì […]. L’elenco (in via di composizione) dovrebbe riguardare almeno 17 principi della Chiesa con meno di 80 anni, tanti saranno, per quella data, i posti disponibili per arrivare al tetto dei 120», questo il numero dei cardinali elettori fissato da Paolo VI nel 1970, e «la cerimonia, solenne e suggestiva, che prevede l’imposizione della berretta vermiglia, il giuramento “usque ad effusionem sanguinis” e il dono dell’anello, sarà celebrata a cavallo dell’ultimo fine settimana di novembre, festa di Cristo Re (23 novembre), ricorrenza che precede l’ultima domenica dell’anno liturgico prima dell’Avvento». Dopo la recente scomparsa dell’ex arcivescovo di Parigi, card. Jean Marie Lustiger, i membri del Sacro Collegio sono 182, di cui 105 con diritto di voto in un eventuale conclave.
   
Fra gli italiani che dovrebbero ricevere la berretta vermiglia in novembre: il presidente della Cei, mons. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, mons. Angelo Comastri, arciprete della basilica di San Pietro, mons. Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo ed ex nunzio in Italia, Giovanni Lajolo, Governatore dello Stato della Città del Vaticano e per anni Ministro degli esteri, Raffaele Farina, Bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Inoltre: l’argentino Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione delle Chiese Orientali, il tedesco Jozef Cordes, presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum e amico personale di Papa Benedetto XVI, il polacco Stanislaw Rylko e l’americano John Foley.

    «Il rinnovamento del collegio cardinalizio è da sempre oggetto di speculazioni e analisi poiché la scelta dei nuovi membri rispecchia inevitabilmente anche la visione geopolitica del pontefice – sottolinea la vaticanista – . Ad ogni concistoro le “new entry” si misurano a seconda dei paesi di provenienza, del “peso” dei rispettivi continenti, si valuta il numero di coloro che provengono dalla curia e quanti rappresentano sedi territoriali, se sono religiosi e se lo sono a quale ordine appartengono. Stavolta la lista dei candidati in attesa di giurare davanti al Papa riguarda alcune grandi sedi residenziali come la diocesi di San Paolo del Brasile, Parigi, Washington e Varsavia».

Donazione Corrispondenza romana