CHIESA CATTOLICA: il cardinale Agostino Vallini nuovo Vicario di Roma

Il card. Agostino Vallini è il nuovo Vicario del Papa per la Diocesi di Roma. Benedetto XVI lo ha nominato il 27 giugno 2008. Succede al card. Camillo Ruini che ha ricoperto l’incarico per 17 anni e mezzo e lascia per raggiunti limiti di età.






Il card. Agostino Vallini è il nuovo Vicario del Papa per la Diocesi di Roma. Benedetto XVI lo ha nominato il 27 giugno 2008. Succede al card. Camillo Ruini che ha ricoperto l’incarico per 17 anni e mezzo e lascia per raggiunti limiti di età.

Esperto canonista, il cardinale Vallini, 68 anni, non manca di esperienza pastorale, che ha sviluppato prima a Napoli e poi ad Albano. Nato a Poli il 17 aprile 1940, il padre, maresciallo dei Carabinieri, è stato deportato nei lager nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Il 13 novembre 1999 è stato chiamato a guidare la Chiesa suburbicaria di Albano, dove è stato Vescovo per cinque anni, finché nel 2004 Giovanni Paolo II lo ha nominato Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, incarico che ricopre tuttora. Benedetto XVI lo ha creato Cardinale nel Concistoro del 24 marzo 2006.

Il cardinale Agostino Vallini raccoglie l’importante “testimone” di Camillo Ruini, che è stato figura di primo piano della Chiesa e della società italiana degli ultimi vent’anni. L’eredità è consistente, sul piano pastorale, economico, sociale, politico.

Il card. Ruini ha lasciato inoltre un “piccolo testamento” alla Diocesi romana: «Guardiamo alla grande sfida (contro la tentazione della sfiducia, ndr) che oggi dobbiamo affrontare, rendiamocene conto, non nascondiamoci davanti a lei, cerchiamo di coglierla nella sua forza, spessore, pervasività, capacità di penetrazione, quella capacità e quell’attrattiva che essa esercita specialmente verso le nuove generazioni. Ma guardiamola con occhio disincantato e a sua volta penetrante, con l’occhio della fede, che è necessariamente diverso e anche più penetrante rispetto a uno sguardo soltanto umano».

Donazione Corrispondenza romana