CHIESA CATTOLICA: difficile il dialogo con gli Anglicani sul tema delle donne-vescovo

La Santa Sede afferma di aver appreso «con rincrescimento la notizia del voto della Chiesa di Inghilterra che apre la strada alla introduzione della legislazione che conduce all’ordinazione delle donne all’Episcopato».





La Santa Sede afferma di aver appreso «con rincrescimento la notizia del voto della Chiesa di Inghilterra che apre la strada alla introduzione della legislazione che conduce all’ordinazione delle donne all’Episcopato». È quanto rivela una nota del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani diffusa martedì 8 luglio a proposito degli ultimi avvenimenti nella Comunione Anglicana.

Secondo gli esperti di anglicanesimo, «il dialogo con i cattolici e la Chiesa di Roma incontrerà crescenti difficoltà anche per la evidente mancanza di unità ecclesiale all’interno della stessa Chiesa d’Inghilterra».
In vista della prossima Conferenza dei Vescovi anglicani a Lambeth prevista dal 16 luglio al 4 agosto, e che si svolge ogni dieci anni su iniziativa dell’Arcivescovo di Canterbury, la Comunione anglicana continua a discutere sulla possibilità dell’ordinazione episcopale per donne e omosessuali.

Il Primate anglicano di Città del Capo (Sudafrica), Thabo Makgoba, ha suggerito all’Arcivescovo di Canterbury Rowan Williams di utilizzare nella discussione dei temi nel corso della Conferenza di Lambeth il metodo di condivisione nell’ambito di un dibattito indirizzato verso certi traguardi. Alla Conferenza parteciperanno circa 650 Vescovi anglicani.

Nel Sinodo generale della Chiesa d’Inghilterra svoltosi dal 4 all’8 luglio, uno dei temi affrontati dai 467 Vescovi, preti e laici riuniti è stato appunto quello relativo all’ordinazione di donne-Vescovo.
Monsignor Donald Bolen, assistente per la sezione occidentale del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, ha commentato che «un numero considerevole di sacerdoti e parrocchie della Chiesa d’Inghilterra ha dichiarato di non avere intenzione di accettare l’autorità di una donna-Vescovo».

«Anche queste divisioni interne, in aggiunta alle posizioni a favore di un cambiamento nella visione del matrimonio e della sessualità umana e alla tendenza in un sempre maggior numero di province anglicane a favore dell’ordinazione delle donne al sacerdozio e alla carica vescovile, creano gravi difficoltà alla Chiesa cattolica nelle sue relazioni con la Comunione anglicana», ha aggiunto il prelato.
Secondo monsignor Bolen, le tensioni nate negli ultimi anni nella Comunione anglicana per l’opposizione di alcune province all’ordinazione episcopale di donne e omosessuali «sono collegate anche a questioni ecclesiologiche, in quanto i Vescovi della Comunione anglicana non sono più in piena unione tra loro e si mettono in gioco gli strumenti di unità all’interno dell’anglicanesimo».
«La Chiesa cattolica – ha spiegato monsignor Bolen – invierà degli osservatori alla Conferenza di Lambeth ed esprime l’auspicio che le tensioni possano presto risolversi e la dottrina anglicana si rafforzi nella fede apostolica che condividiamo».

Il portavoce ufficiale della prossima Conferenza di Lambeth, Phillip Aspinall, Arcivescovo anglicano di Brisbane e Primate della provincia d’Australia, ha affermato che «l’anglicanesimo ha molto da dire su tanti temi tra cui le sfide che vengono dalla povertà, dall’insicurezza, dalla perdita della fede e dalla crescita del relativismo. La Conferenza di Lambeth sarà un momento di ascolto ma anche di proposte».
La Conferenza che inizierà il 20 luglio è il quattordicesimo incontro riservato ai Vescovi anglicani su iniziativa dell’Arcivescovo di Canterbury. Il primo fu convocato dall’Arcivescovo Charles Longley 1867.
L’iniziativa fu promossa per avere un momento di confronto tra le varie componenti della Comunione anglicana, anche per il rafforzarsi delle comunità anglicane non di lingua inglese e non di razza bianca.

Donazione Corrispondenza romana
  • Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano … Continua a leggere
  • Santa Teresa e l’Istruzione Cor Orans
    (di Cristina Siccardi) I santi, quando si tratta di difendere l’integrità della fede, il bene della Chiesa, la Regola del proprio ordine/congregazione non si risparmiano e, dispiegando eroicamente ogni tipo di risorsa, sostenuti dalla Grazia divina, escono vittoriosi con i … Continua a leggere
  • La vocazione della nostra epoca
    (di Roberto de Mattei) Ogni uomo ha una sua specifica vocazione. Ciò che Dio chiede ad ogni anima, costituisce la sua vocazione che è la forma speciale nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. Ogni uomo … Continua a leggere
  • Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Il “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che … Continua a leggere
  • Dalla Gaudium et spes a Humanae vitae
    (di P. Serafino M. Lanzetta) La grave crisi morale di abusi sessuali che investe la S. Chiesa ha radici molto più profonde del cattivo comportamento di alcuni sacerdoti e prelati. E non è sicuramente espressione di quella debolezza umana che … Continua a leggere
  • La vita contemplativa secondo santa Ildegarda
    (di Cristina Siccardi) Il sacrario dei chiostri di vita contemplativa femminile è violato dalle ultime disposizioni emanate dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. La Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua … Continua a leggere
  • Il VII pellegrinaggio del Populus Summorum Pontificum
    (di Marco Sgroi) Per la settima volta a partire dal 2012, alla fine della scorsa settimana Roma ha accolto il Populus Summorum Pontificum per l’ormai abituale pellegrinaggio annuale ad Petri Sedem: il devoto cammino dei fedeli, provenienti da ogni parte … Continua a leggere
  • Mons. Viganò e l’ora del giudizio
    (di Roberto de Mattei) Nel clima di silenzio e addirittura di omertà che regna nella Chiesa è ancora una volta risuonata la voce dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò che, replicando al cardinale Marc Ouellet, ha ribadito che lo scandalo McCormick, è … Continua a leggere
  • Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò
    Riportiamo la lettera aperta che mons. Charles Pope, parroco della Chiesa di Holy Comforter-Saint Cyprian di Washington, ha scritto in sostegno al terzo documento di mons. Carlo Maria Viganò (http://www.ncregister.com/blog/msgr-pope/reflections-on-archbishop-viganos-courageous-third-letter). Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò was last modified: … Continua a leggere
  • Radici e frutti della vera santità: san Francesco Marto
    (di Cristina Siccardi) Il titolo della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi (3-28 ottobre) è I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. I giovani sempre meno scelgono il sacerdozio, la consacrazione religiosa e il sacramento del matrimonio. … Continua a leggere