CHIESA CATTOLICA: beatificata a Napoli suor Maria Giuseppina di Gesù Crocifisso

È stata beatificata il 2 giugno nella Cattedrale di Napoli Maria Giuseppina di Gesù Crocifisso, al secolo Giuseppina Catanea, carmelitana scalza nata nel 1896 e morta nel 1948.





È stata beatificata il 2 giugno nella Cattedrale di Napoli Maria Giuseppina di Gesù Crocifisso, al secolo Giuseppina Catanea, carmelitana scalza nata nel 1896 e morta nel 1948.

Nell’omelia della celebrazione, il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, l’ha definita «una beata tutta napoletana» e ha ricordato che la testimonianza ricevuta in famiglia fu «la scuola» in cui imparare «a conoscere Gesù e a innamorarsi di lui».

Colpita da una forma grave di tubercolosi alla spina dorsale che l’aveva completamente paralizzata, guarì per intercessione di San Francesco Saverio, che le era apparso in sogno e la cui reliquia del braccio fu portata nella sua cella in convento.

Incaricata dell’apostolato nel parlatorio del convento carmelitano, da lì suor Giuseppina fece «dilagare la luce di Cristo nelle anime» portando la sua fama a diffondersi oltre la città e ad arrivare fino in America.
La vita di clausura di suor Giuseppina, ha osservato il Cardinale, «non è stata un limite, ma una provvidenziale occasione e opportunità per riversare nel cuore della nostra gente una luce di speranza».

«La sorgente di questo fecondo apostolato è la piena e perfetta unione della nostra beata con Cristo Crocifisso, l’innamorato che la riempie di amore e la fa gioire anche nella sofferenza», ha aggiunto; «più si innamora di Cristo, più le prove e le sofferenze ne caratterizzano l’ascesi».

Per tutta la sua vita, la suora «sarà “mangiata”, consumata dagli altri, ai quali trasfonde tutto il suo amore per Cristo suo sposo».

Il 14 marzo del 1948, domenica di Passione, suor Maria Giuseppina morì a 54 anni.

La sepoltura venne differita perché nonostante la cancrena la salma sembrava «un corpo vivo, flessibile, colorito», solo addormentato. Il corpo della religiosa venne visitato da personaggi illustri e da alcuni professori dell’Università di Napoli, che trovano il fenomeno «inspiegabile».

«Ma, forse, il vero prodigio è il continuo pellegrinaggio che fedeli di ogni categoria e da ogni parte continuano a compiere, ancora accolti dalle figlie spirituali di madre Giuseppina le quali con delicatezza, gioia e amore si prodigano per ricevere, confortare e aiutare quanti vengono al convento, nello spirito e nello stile tipicamente napoletano della Madre», ha commentato il Cardinale Sepe.

Donazione Corrispondenza romana
  • Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano … Continua a leggere
  • Santa Teresa e l’Istruzione Cor Orans
    (di Cristina Siccardi) I santi, quando si tratta di difendere l’integrità della fede, il bene della Chiesa, la Regola del proprio ordine/congregazione non si risparmiano e, dispiegando eroicamente ogni tipo di risorsa, sostenuti dalla Grazia divina, escono vittoriosi con i … Continua a leggere
  • La vocazione della nostra epoca
    (di Roberto de Mattei) Ogni uomo ha una sua specifica vocazione. Ciò che Dio chiede ad ogni anima, costituisce la sua vocazione che è la forma speciale nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. Ogni uomo … Continua a leggere
  • Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Il “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che … Continua a leggere
  • Dalla Gaudium et spes a Humanae vitae
    (di P. Serafino M. Lanzetta) La grave crisi morale di abusi sessuali che investe la S. Chiesa ha radici molto più profonde del cattivo comportamento di alcuni sacerdoti e prelati. E non è sicuramente espressione di quella debolezza umana che … Continua a leggere
  • La vita contemplativa secondo santa Ildegarda
    (di Cristina Siccardi) Il sacrario dei chiostri di vita contemplativa femminile è violato dalle ultime disposizioni emanate dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. La Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua … Continua a leggere
  • Il VII pellegrinaggio del Populus Summorum Pontificum
    (di Marco Sgroi) Per la settima volta a partire dal 2012, alla fine della scorsa settimana Roma ha accolto il Populus Summorum Pontificum per l’ormai abituale pellegrinaggio annuale ad Petri Sedem: il devoto cammino dei fedeli, provenienti da ogni parte … Continua a leggere
  • Mons. Viganò e l’ora del giudizio
    (di Roberto de Mattei) Nel clima di silenzio e addirittura di omertà che regna nella Chiesa è ancora una volta risuonata la voce dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò che, replicando al cardinale Marc Ouellet, ha ribadito che lo scandalo McCormick, è … Continua a leggere
  • Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò
    Riportiamo la lettera aperta che mons. Charles Pope, parroco della Chiesa di Holy Comforter-Saint Cyprian di Washington, ha scritto in sostegno al terzo documento di mons. Carlo Maria Viganò (http://www.ncregister.com/blog/msgr-pope/reflections-on-archbishop-viganos-courageous-third-letter). Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò was last modified: … Continua a leggere
  • Radici e frutti della vera santità: san Francesco Marto
    (di Cristina Siccardi) Il titolo della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi (3-28 ottobre) è I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. I giovani sempre meno scelgono il sacerdozio, la consacrazione religiosa e il sacramento del matrimonio. … Continua a leggere