Blasfemia oltre ogni limite. Succede su “Di’ la tua”

Una sequenza di sciocchezze condite dal turpiloquio più becero. Eppure sul web si può trovare anche questo. Piccole comunità, peraltro molto attive, che si compiacciono di scrivere e inventare nefandezze.
Come se non bastasse, oltre alla “proposta” seguono i commenti.
Non è materiale nuovo ma del 2007.
Leggere solo se interessati.
***
27 luglio 2007
CAZZO DI CRISTO. UN PROBLEMA IRRISOLTO

di Axteo

Se il personaggio Gesù detto il Cristo “fosse morto” (ma sappiamo che a un personaggio delle favole è impossibile morire) ebbene, se questo Gesù Cristo fosse morto. invece che in croce, ma piuttosto IMPALATO, cioè con un palo di legno appuntito infilato su per il buco del culo (come tra l’altro amava fare con grande goduria sadica l’Inquisizione, cioè la Chiesa cattolica a molti poveri disgraziati) pensate che ora attaccato sulle pareti dei tribunali, delle scuole e ovunque ci sarebbe il simbolo di un cadavere raffigurante CRISTO con un PALO NEL CULO? Chissà se i “credenti” amerebbero portare attaccato al collo un “Cristo impalato dal culo”? Chissà?

CAZZO DI CRISTO. UN PROBLEMA IRRISOLTO

Inoltre, al personaggio Gesù detto il Cristo (stiamo naturalmente parlando della solita favoletta per babbei) è scritto – nelle scritture delle favole – che essendo egli ebreo fu circonciso e gli avrebbero tagliato il prepuzio. Ora, ammesso che Gesù Cristo avesse il cazzo (cosa difficile per un personaggio delle favole) insomma avesse il cazzo al pari di altri uomini, significherebbe che Cristo, una volta “risorto” salì in cielo (senza l’aiuto dell’Alitalia) senza la cappella del cazzo. Tremendo.

In pratica, Gesù Cristo sarebbe salito in cielo incompleto nel corpo, avendo il pezzo mancante, pezzo non da poco. Cristo era come un castrato o simile. Il prepuzio del cazzo di Cristo è custudito dalle suore di un convento. Cosa curiosa, che i conventi di suore che custodiscono e venerano il “prepuzio del cazzo di Cristo”, sono almeno 7 (sette) cioè, ogni convento dei setti dice di avere il proprio prepuzio “originale” dell’uccello di Gesù Cristo.

Chi ha torto e chi ha ragione? Se a Cristo fosse stato tagliato il prepuzio per sette volte, significherebbe che Gesù Cristo era un super dotato, con un cazzo lungo forse mezzo metro, come quelli che si vedono nei film porno, cazzi lucidi e gonfi.

Sarebbe interessante che Ratzinger nella seconda parte del libro che scriverà su Cristo, dedicasse un intero capitolo al famoso CAZZO DI CRISTO così ci spiegherebbe come possono esistere 7 prepuzi del pisello di Gesù e perchè questi 7 prepuzi non sono saliti in cielo contemporaneamente al corpo di Cristo. La teologia, la scienza dell’aria fritta, non si pronuncia sul CAZZO DI CRISTO.
Ma ciò vale anche per i peli di Cristo, le unghie di Cristo, lo sputo di Cristo, il sudore, l’urina e la merda di Cristo, ed anche le scorie della pelle di Cristo, il muco del naso e le caccole di Cristo. Insomma tutta questa roba è restata sì o no sulla terra?

Se non è restata in terra, ma fosse salita in cielo insieme al corpo di Cristo, significherebbe che qualche metro cubo di schifezze organiche sono salite in Paradiso. Come le hanno stoccate in Paradiso queste schifezze? Che le abbiano buttate giù nel cesso del Paradiso e tirato poi lo sciacquone?

Se le schifezze di Cristo fossero restate in terra, significherebbe che da qualche parte ci sono i detriti organici di Cristo. Ce li vogliamo perdere? Gli imebcilli stanno cercano ancora l’Arca perduta, strano che altri ancora più imbecilli non vadano a cercare le le schifezze lasciate da Cristo. Anche perchè un’unghia di Cristo, se venduta alla sala d’aste Christie di Londra, potrebbe essere venduta a cifre da risanare il deficit dello Stato Italiano.

Fonte: Dilatua

Donazione Corrispondenza romana