BIOETICA: era in stato vegetativo, ora si nutre

Print Friendly, PDF & Email

Viveva da un anno in uno stato vegetativo permanente, a causa di un grave incidente automobilistico quando, nell’estate del 2007, è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico al Cto di Torino. Ora, grazie a quell’intervento, la protagonista di questa vicenda, una ventenne di Gassino (Torino), si è risvegliata ed è in grado di «nutrirsi e obbedire agli ordini».

A raccontare la sua storia è il professore Sergio Canavero, il neurochirurgo delle Molinette, che ha seguito la vicenda. L’intervento ha previsto la stimolazione corticale extra durale bifocale ed è «la prima volta al mondo – sostengono i medici – che con questa tecnica, si riporta alla coscienza un paziente in stato vegetativo permanente». Già dopo quattro mesi, hanno spiegato i sanitari, si registravano «forti miglioramenti» e oggi la ragazza è in grado di masticare e deglutire.

I genitori della giovane, però, appoggiano la famiglia Englaro. «È una cosa tremenda che nostra figlia si trovi in questa situazione – ha spiegato la madre – e noi non possiamo fare altro che assisterla, ma come genitore – ha aggiunto – capisco la scelta del padre di Eluana Englaro perché in questi casi tremendi ciascun genitore deve agire come si sente».


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana