Arrestati altri due jihadisti dell’Isis in Spagna, son 5 in 2 giorni

JihadAvevano già contattato una dozzina di individui intercettati tramite i social network, per convincerli ad “arruolarsi” nell’Isis ed inviarli in Siria ed in Iraq, i due marocchini arrestati dalla Guardia Civil lo scorso 4 novembre a Cornellà de Llobregat, in Spagna. Fonti vicine alla lotta al terrorismo lo han dichiarato all’autorevole quotidiano iberico Abc.

La brillante operazione di intelligence è stata coordinata dal Tribunale Centrale e dall’Alta Corte nazionale ed è giunta ventiquattr’ore dopo l’altro blitz, che ha condotto a tre arresti avvenuti a Madrid per reati analoghi. Pare che i terroristi islamici avessero partecipato anche ad alcuni incontri organizzati in territorio spagnolo a scopo di propaganda.

Ora, nei confronti degli jihadisti fermati, grazie alla riforma del Codice penale, si profila l’accusa di «indottrinamento passivo». Secondo il ministero degli Interni iberico, l’operazione è ancora in corso.

Donazione Corrispondenza romana