“Arrendersi al segreto”: è il titolo di un reality sull’aborto

Surrender the SecretFinanziato da un’emittente tv americana di ispirazione cristiana, ha come protagoniste donne che hanno praticato l’interruzione di gravidanza. Un’operazione interessante, coraggiosa per molti versi, in cui vengono mostrate al grande pubblico le conseguenze fisiche e psichiche dell’aborto.
Il reality di 10 puntate è ora trasmesso on line. La quarta puntata è appena stata inserita.
Come ovvio, ha già attirato le attenzioni del web per un acceso dibattito.

***
15 febbraio 2013
Il reality sull’aborto «libera» le madri

Può un reality show su donne che hanno subìto l’aborto essere a favore della vita? Pare di sì: è l’intenzione degli ideatori del programma «Surrander the secret» (letteralmente «Arrendersi al segreto»), trasmesso on line dal sito www.knocktv.com. Si tratta di un ciclo di 10 puntate in cui per la prima volta le protagoniste non sono donne incinte dubbiose se abortire o meno ma donne che – per ragioni diverse – hanno praticato un’interruzione volontaria di gravidanza. Un punto di vista in controtendenza, che ha attirato l’attenzione del dibattito sul Web. L’obiettivo è di mostrare le conseguenze dell’aborto, fisiche e soprattutto psichiche, e lanciare il messaggio che uccidere una vita non è mai la risposta giusta. Il programma è trasmesso dal 22 gennaio e ora è visibile, ogni martedì, sul sito Internet del canale tv (d’ispirazione cristiana) fino al 26 marzo. Cinque le protagoniste, due per ciascun episodio: Jill, Vanessa, Courtney, Jane e Kell. Il reality è prodotto da Cecil Strokes, che ha all’attivo anche un Grammy Award. Il titolo del programma fa riferimento al segreto che le donne che si sottopongono ad aborto portano dentro il cuore per tutta la vita: un peso che spesso non raccontano a nessuno, e di cui possono liberarsi soltanto arrendendosi al loro dolore, lasciandolo sgorgare e aprendosi nuovamente alla vita.

di Simona Verrazzo

Fonte: Prolife News

 

Donazione Corrispondenza romana