Allarme esorcisti: aumentano le possessioni diaboliche

EsorcistaIl capo dell’Associazione Internazionale Esorcisti, Padre Francesco Bamonte, lancia l’allarme: le possessioni sono in aumento, tanto che ad oggi non si riesce a far fronte all’enorme numero di casi. Mancano gli esorcisti e quelli che ci sono oberati di “lavoro”.
Il motivo principale sarebbe un contatto troppo ravvicinato con l’occultismo. Ma non solo. Nei giorni scorsi si è tenuto ad Acqui Terme un importante convegno sul tema, tenuto da professionisti nel campo medico e scientifico. Ed è emersa una realtà chiara: il satanismo tende a ottenere l’annullamento della persona, per poi costruire una nuova, dissociata, personalità.

Il reclutamento avviene per gradi. Prima si individua il nuovo “adepto”, che spesso sta vivendo un momento sofferenza. Poi il gruppo satanista lo circonda di attenzione esagerate, che è esattamente quello di cui ha bisogno. Ma intanto il processo di lavaggio del cervello è già iniziato: “il leader del gruppo lo spoglia dei suoi poteri decisionali e materiali allontanandolo dalla famiglia, facendogli superare prove, tenendolo soggiogato, sottoponendolo a confessioni pubbliche umilianti. Vengono applicate tecniche di comunicazione, ipnotiche suggestive. Il risultato è la«disossonanza cognitiva», il controllo del pensiero, delle emozioni, del comportamento, delle informazioni, l”acquisita capacità di uccidere e uccidersi”.
***
16 maggio 2013
Chiesa, esorcisti lanciano l’allarme possessioni diaboliche: “Troppo occultismo”

ROMA – “Le possessioni diaboliche sono in aumento per colpa del troppo occultismo“. Padre Francesco Bamonte, capo dell’Associazione Internazionale Esorcisti, lancia l’allarme.

Padre Bamonte ha detto: “Ad oggi mancano esorcisti nelle diocesi e quelli che ci sono, non riescono a smaltire l’enorme richiesta di aiuto”. Padre Bamonte sarà ospite domani sera alle 21.20 su Tv2000, emittente della Conferenza Episcopale Italiana, del programma ”Vade Retro”.

Secondo gli esorcisti la battaglia contro Satana è all’ordine del giorno e la situazione sta peggiorando. Per il rappresentante di chi nella Chiesa combatte quotidianamente questi fenomeni, i motivi principali che possono portare alla possessione diabolica sono ”occultismo e spiritismo, e far parte o solamente partecipare a riti satanici”.

Fonte: Blitz Quotidiano
***
14 maggio 2013
Le sette sataniche, fenomeno in crescita anche in provincia

Il convegno ad Acqui, al centro l’avvocato Giovanna Balestrino

Il tema affrontato in un convegno ad Acqui e trasmesso da Radio Maria

Vittime reclutate dai necrologi, delitti senza moventi, suicidi inspiegabili, simboli sui muri, tutti elementi legati ad un fenomeno crescente, presente anche nella nostra provincia: quello delle sette sataniche.

Se ne è parlato in u n convegno che si è tenuto ad Acqui e che stato trasmesso da radio Maria.E’ stato organizzato dall’avvocato Giovanna Balestrino in collaborazione con lOrdine degli avvocati e il Gris (gruppo di ricerca e informazione socio religiosa).

In sala molti avvocati da tutt’Italia (200 iscritti), magistrati, sacerdoti, psicologi, insegnanti, esorcisti.

In chiusura l’acquese Daniela, 35 anni, ora studentessa universitaria, con coraggio e lucidità ha raccontato come ha potuto dare ascolto alla maga ( ora deceduta) che le faceva credere di parlare con suo padre. Difesa dall’avvocato Luca Musso, l’aveva denunciata lamentando una perdita di 25 mila euro. «Non bisogna pensare che le vittime siano poco intelligenti, possono essere Einstein: la preda viene sempre catturata in un momento di grande sofferenza» ha spiegato Michele Nardi, sostituto procuratore di Roma (E’ stato il pù giovane magistrato d’Italia) . Marcella Piolo, pediatra torinese, consigliere nazionale Gris, ha spiegato come avviene l’annullamento della persona e come venga cucita una nuova personalità . Pericolosissimo ad esempio, entrare nei gruppi che si riuniscono in luoghi isolati e fanno staccare la spina dalla realtà , iniziando a far togliere gli orologi. «Significa defraudare la persona delle categorie di tempo e spazio». Poi ha distinto tra «lavaggio del cervello», che può essere cosciente e il«condizionamento mentale» che invece è progressivo e inconsapevole.

I relatori hanno svelato come operano le sette: individuata la persona (che si trova in un momento di sofferenza), questa viene portata da un amico in un gruppo dove viene circondato da attenzioni esagerate «quello di cui ha sete» e a poco a poco il leader del gruppo lo spoglia dei suoi poteri decisionali e materiali allontanandolo dalla famiglia,facendogli superare prove, tenendolo soggiogato, sottoponendolo a confessioni pubbliche umilianti. Vengono applicate tecniche di comunicazione, ipnotiche suggestive. Il risultato è la«disossonanza cognitiva», il controllo del pensiero, delle emozioni, del comportamento, delle informazioni, l”acquisita capacità di uccidere e uccidersi.

Il vicequestore Marco Martino dirigente della Squadra Mobile di Torino, coinvolgendo nel suo discorso il capitano Quarta, presente in sala, ha spiegato come le indagini debbano confrontarsi con gli articoli della Costituzione che sanciscono la libertà di pensiero, aggregazione, religione e la difficoltà a condurle perchè nelle sette non ci sono pentiti: «Chi esce rischia la vita, bisogna farlo con cautela affidandosi alle forze dell’ordine».

Il sostituto procuratore Tiziano Masini, pm delle Bestie di satana, al processo era gip Chiara Venturi, attualmente pm ad Acqui, ha tenuto tutti col fiato sospeso raccontando la storia di quel gruppo satanico, dei fascicoli rimasti sospesi, di fatti orrendi ma anche di circostanze inspiegabili accadute in quel processo.
Considerato il numero crescente di «nuove religioni» i relatori hanno lanciato un messaggio: le religioni sono quelle alle quali si può lasciare l’8 per mille… Delle altre bisogna fare attenzione, ci potrebbe essere lo zampino del diavolo. L’avvocato Giovanna Balestrino ha spiegato che il convegno (che verrà replicato con le stesse modalità da altri Ordini degli avvocati) e’ stato fatto anche per studiare il vuoto legislativo lasciato dalla cancellazione del reato di plagio. Il giornalista e vaticanista David Murgia di «Vade retro Satana» di Tv 2000 ha raccontato di fatture, riti voodoo e di chi siano i maghi. E c’è da avere paura.

Selma Chiosso

Fonte: La Stampa

Donazione Corrispondenza romana