A Ginevra un vescovo cattolico

(su Messa in Latino.it) Ecco una bella notizia: alla cattedra di Losanna, Ginevra e Friburgo, il Papa nominerà oggi il domenicano Padre Charles Morerod. Giovane (50 anni) e soprattutto ortodosso; cosa tutt’altro che scontata nel devastato panorama ecclesiale elvetico.

Del quale lo stesso Padre Morerod, secondo quanto riferisce Radio Suisse Romande, ha un’opinione spassionata: “un po’ sonnolenta e non particolarmente vivace”; così il neovescovo aveva definito la Chiesa di quel paese (ma in fin dei conti, per essere un po’ politicamente scorretti, queste espressioni non si attagliano in generale a tutto quel che avviene in Svizzera, nonostante o forse a causa delle sue molte virtù? Woody Allen in un film osservava che in Italia, al tempo dei Borgia avvelenatori e delle continue guerre fratricide, si è creato il Rinascimento; gli Svizzeri, in secoli di pace e neutralità, hanno inventato… gli orologi a cucù).

Il Padre Morerod è segretario della commissione teologica internazionale ed è stato uno dei tre teologi di parte romana nei recenti colloqui con la Fraternità S. Pio X. La sua scelta per quel delicato incarico era stata determinata, oltre che dalle capacità di teologo, dalla sua sensibilità vicina alla controparte tradizionalista.

In effetti il P. Morerod è autore di una tesi di dottorato, presentata alla facoltà di teologia dell’Università di Friburgo, sul Cajetano, maestro generale dei domenicani e commentatore di S. Tommaso d’Aquino, nella sua polemica contro Lutero. Ma il P. Morerod si è fatto notare soprattutto per la sua opera Tradition et unité des chrétiens. Le dogme comme condition de possibilité de l’œcuménisme (Parole et Silence, Paris, 2005), nella quale in modo radicale prende in contropiede l’ecumenismo più liberale, come quello dei teologi Fries, Rahner o Tillard, insistendo sul carattere essenziale di un vero pensiero cattolico, indissolubilmente teologico e filosofico.

In questo modo, egli sottolinea la differenza tra cattolicesimo e protestantesimo, in un modo che non deve spiacere alle correnti più tradizionaliste. Sempre P. Morerod, si è messo a criticare il pensiero di un protestante liberale britannico, John Hick, di cui contesta precisamente lo spirito relativista.

Insomma: un cattolico sulla cattedra che fu di S. Francesco di Sales.

Donazione Corrispondenza romana