Un’epoca nuova si apre per la Francia, ma quale?

Francia

(di Giulio Ginnetti) Non ci si può che rallegrare dei risultati delle elezioni francesi, che spostano decisamente a destra l’asse politico del Paese. Il Front National è riuscito ad ottenere il 28% di consensi su scala nazionale, con punte che hanno superato il 40% dove erano candidate le due leader Marine Le Pen et Marion Maréchal Le Pen, nel Nord e in Provenza (con piu del 44% nella Vaucluse e nel Pas de Calais).

L’Union de la Droite dell’ex presidente Nicolas Sarkozy che raccoglieva le liste di destra e centro unite, ha raccolto il 26,65% , mentre i socialisti dell’attuale presidente François Hollande sono crollati al 23,12%. Le cause di questi risultati risalgono certo all’ondata emotiva che, dopo gli attentati del 14 novembre, ha reso i francesi consapevoli del pericolo dell’invasione islamica.. Secondo un sondaggio Opinion way sulle motivazioni del voto, il 76% degli elettori del FN lo ha votato a causa dell’immigrazione il 74% per la sicurezza, il, 59% per l’arrivo di migranti in Europa, il 56% per la lotta contro il terrorismo (http://www.lepoint.fr/regionales-2015-opinionway-scrute-les-motivations-du-vote).

Ma non bisogna dimenticare l’apporto indirettamente offerto dalle grandi manifestazioni in difesa della famiglia, che negli ultimi anni hanno portato alla luce l’esistenza di una Francia reale, ancorata ai valori della tradizione e del buon senso. Lo confermano, all’interno della coalizione di Sarkozy, le affermazioni due candidati vicini alla Manif pour tous, Bruno Retailleau nella regione Pays-de-Loire, e Laurent Wauquiez in quella Rhône-Alpes-Auvergne. mentre Dominique Reynié, che aveva difeso la legge omosessualista Taubira, è stato il solo candidato di Sarkozy ad essere sbaragliato, finendo al terzo posto.

Ma è proprio a questo proposito che il futuro non appare privo di preoccupazioni. È inquietante infatti la dichiarazione, dopo la vittoria, di Marine Le Pen che al sinistro trinomio rivoluzionario «Libertà, uguaglianza, fraternità» ha aggiunto quello di «laicità». Il rischio è quello dell’ascesa di una falsa destra laicista, presentata come la sola alternativa possibile all’avanzata islamica in Francia e in Europa. Gli ultimi e-book del’ISIS prevedono con lucidità l’ascesa di una “destra populista” e laica in Europa, e l’esplosione, come conseguenza, di disordini nelle periferie urbane.

Di fronte alla possibilità di una guerra civile provocata dai musulmani, l’Europa rischia di essere sconfitta per mancanza non di forza militare, tecnologica o economica, ma di una dottrina antitetica a quella dell’Islam. L’unica forza ideale in grado di vincere il partito di Allah non è infatti la laicità rivoluzionaria, che ha condotto all’attuale deriva morale, ma la filosofia di vita del Cristianesimo, intransigente ed equilibrata al tempo stesso. Marion Le Pen sembra inclinare verso questa direzione, ma diversa è la posizione della classe dirigente del partito. che non si è opposto né alla legge Veil sull’aborto né alle unioni omosessuali (http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/anche-il-front-national-francese-tra-i-partiti-contro-natura/), mentre il direttore di campagna del Front National è Sébastien Chenu, omosessuale dichiarato e nel passato anche attivista per i diritti gay.

Il Partito socialista ha annunziato di ritirare i suoi candidati dal secondo turno in tre regioni, ma i risultati elettorali hanno suggellato la fine del “fronte repubblicano”, cioè del patto che ha sempre impedito al Front national di utilizzare i consensi ottenuti al primo turno delle elezioni locali e nazionali, perchè al secondo turno il centrodestra e il centrosinistra si mettevano d’accordo per sostenere il proprio uomo. Un’epoca nuova si apre per la Francia, ma quale? (Giulio Ginnetti)

 

Donazione Corrispondenza romana
  • Anti-abortion marchers walk near the Supreme Court during the annual March for Life, Tuesday, Jan. 22, 2008, in Washington. The rally comes 35 years after the Supreme Court ruled that a Texas woman with the pseudonym Jane Roe had a constitutional right to have an abortion. (AP Photo/Haraz N. Ghanbari) Svolta pro-life negli Stati Uniti?
    (Tommaso Scandroglio) Donald Trump nell’ottobre del 1999 alla NBC in merito al tema dell’aborto così si espresse: «Io sono molto pro-choice. Odio il concetto di aborto. Lo odio. Odio tutto ciò che rappresenta. Io rabbrividisco quando sento le persone discutere di … Continua a leggere
  • bannon-priebus-large_transqvzuuqpflyliwib6ntmjwfsvwez_ven7c6bhu2jjnt8 Donald Trump nomina due pro-life alla Casa Bianca
    (di Lupo Glori) Mentre non si placano le accese polemiche, a tutti i livelli, nei confronti dell’inattesa e, per molti, disorientante elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d’America, tutti gli occhi della stampa mondiale sono ora puntati … Continua a leggere
  • christine-boutin Si richiama alla Bibbia: pesanti sanzioni ad una deputata francese
    (di Mauro Faverzani) Incredibile! L’on. Christine Boutin, presidentessa del Partito Cristiano Democratico, già deputata dell’Assemblea Nazionale in Francia ed ex-ministro per l’Abitazione col governo Fillon I, è stata condannata ad una sanzione di 5 mila euro semplicemente per aver definito … Continua a leggere
  • Angela Merkel Germania nuova batosta per la Merkel
    (di Lupo Glori) Il popolo tedesco boccia nuovamente le recenti avventate scelte politiche di Angela Merkel. Dopo la pesante sconfitta alle ultime elezioni regionali in Meclemburgo-Pomerania sono questa volta i cittadini di Berlino ad infliggere un’altra sonora batosta alla cancelliera … Continua a leggere
  • sede-grande-oriente-136112 L’Eliseo si gioca non nelle urne, ma nelle logge
    (di Mauro Faverzani) Le prossime presidenziali, in Francia, le si gioca nelle Logge. I candidati all’Eliseo fanno ormai a gara per conquistarsi le simpatie e soprattutto l’appoggio della massoneria in vista della chiamata alle urne nel 2017. L’Eliseo si gioca … Continua a leggere
  • maxresdefault Un vento identitario soffia sull’Europa
    (di Lupo Glori) La Germania vira a destra e boccia la politica di immigrazione di Angela Merkel che nell’ultimo anno ha visto arrivare nel paese tedesco oltre un milione di rifugiati. Domenica 13 marzo il partito di Frauke Petry, Alternative … Continua a leggere
  • governo Valls Coi nuovi ministri sempre più massonico il governo Valls
    (di Mauro Faverzani) Massoneria, in Francia è sempre peggio. O meglio, in Francia è sempre più evidente (più che altrove) la commistione tra logge e poteri. Il che rende estremamente superficiale ed ingenua la posizione di quanti (più del dovuto) … Continua a leggere
  • parigi1 I pacifisti si ricredono: e guerra sia…
    (di Tommaso Scandroglio) E guerra sia. Dopo gli attacchi terroristici a Parigi tutti ora invocano una risposta armata in Siria e in ogni luogo dove i terroristi combattono o si addestrano o vengono reclutati. Tutti chiedono che le vesti insanguinate … Continua a leggere
  • medaglia miracolosa Un messaggio mariano per il nostro tempo
    (di Cristina Siccardi) Maria Santissima apparve nel 1830 in Francia, in rue du Bac per annunciare, con le lacrime che le scendevano dal candido volto, l’arrivo di sciagure e per dare consolazione e spargere grazie ai credenti: I tempi sono … Continua a leggere
  • islam_francia Una falsa battaglia contro l’Islam
    (di Roberto de Mattei) Tutti gli analisti hanno messo in luce il fallimento dei servizi di sicurezza in Francia nel tragico 13 novembre. La causa prima di questo fallimento, più che all’inefficienza, risale alla incapacità culturale della classe politica e … Continua a leggere