Una vergogna che deve trovare dei responsabili

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone(di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, dice la Farnesina, «è stata presa a conclusione della necessaria fase negoziale diretta con l’India e di fronte alla impossibilità di pervenire a una soluzione della controversia». Un comunicato che dice e non dice, che annuncia una richiesta di arbitrato internazionale dopo quaranta mesi, nel corso dei quali non sono bastati tre Governi per difendere la libertà dei due nostri militari.

Nel comunicato della Farnesina viene citata la «conclusione della necessaria fase negoziale». In cosa sia consistita, lo spiega l’ex Ministro degli Esteri, Giulio Terzi di Sant’Agata, in un articolo apparso su L’Intraprendente: «Della questione Marò, come si è letto in numerosi articoli mai smentiti, erano stati incaricati dallo scorso autunno i Servizi, che sono come noto alle dipendenze di Palazzo Chigi. Dallo scorso ottobre si sarebbero svolte diverse missioni; nei contatti riservati con New Delhi, secondo resoconti forniti dalla stampa indiana, gli emissari italiani avrebbero presentato “proposte” essenzialmente basate sulla rinuncia alla giurisdizione italiana nell’accertamento delle responsabilità; sull’erogazione di un cospicuo risarcimento; su una sostanziale ammissione di colpevolezza, così da rendere spedito il processo in India e far quindi valere, una volta condannati, la possibilità per Latorre e Girone di essere scambiati con detenuti indiani in Italia, sulla base dell’accordo di cooperazione bilaterale ratificato negli ultimi anni».

È un bene che vi sia stato il naufragio di questi tentativi e che emerga in maniera così eclatante – oltre che dolorosa, per i due militari e per le loro famiglie – l’inettitudine di un intero ceto politico nella gestione di questa crisi. Per lo meno si fa chiarezza e l’opinione pubblica può giudicare quale scarso peso abbia da molti anni a questa parte la nostra politica estera a livello internazionale.

Su questa vicenda, il Paese ha perso la sua dignità da un pezzo. Ha privilegiato i rapporti economici con lo Stato indiano, anteponendo questi al suo decoro ed alla difesa dei suoi militari, catturati in acque internazionali e, quindi, in una situazione illegittima in base al diritto internazionale. Sperando che l’arbitrato richiesto si svolga presto ed abbia un esito positivo, non si possono sottacere gli interessi che sono alla base di questo fallimento e ne costituiscono il retroscena.

Basti pensare che proprio in questi giorni, l’amministratore delegato di Finmeccanica, ha confermato che ci sono trattative tra il gruppo Italiano dell’aerospazio e difesa e il Governo indiano per l’acquisto di siluri pesanti per armare i sottomarini del Paese asiatico.

L’accordo ha un valore di 300 milioni di euro. Moretti ha sottolineato che «i rapporti tra Finmeccanica e Governo indiano sono completamente slegati dalla questione ancora aperta sui militari italiani». È proprio questo il punto. Nonostante il sequestro dei due fucilieri italiani, il 2014 si è chiuso con un segno positivo su tutte le componenti dell’interscambio economico tra Italia e India. L’export verso India è stato di 3,04 mld euro (2,3%, nel 2013 era stato 2,97 mld).

L’import dall’India, di 4,15 mld euro (+4,6%, nel 2013 era stato 3,97 mld). L’interscambio totale a 7,2 mld euro (+3,6%, nel 2013 era stato 6,95 mld). Invariato il saldo: deficit per l’Italia di 1mld euro nel 2013; di 1,1 mld euro nel 2014. Invece di azzerare i rapporti di ogni tipo con uno Stato che ha tenuto sotto sequestro due nostri cittadini, si sono incrementati gli affari. Troverà, questa vergogna, dei responsabili? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere
  • diavolo-renzi Il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi
    (di Danilo Quinto) Sarà pure una questione «veramente noiosa», come l’ha definita il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, ma la notizia c’è: in base ai dati diffusi dalla Banca d’Italia, il debito pubblico nel mese di aprile è aumentato di … Continua a leggere
  • ignazio-marino-dimettiti1 La richiesta si allarga: “Marino, dimettiti!”
    (di Danilo Quinto) Sopiti i clamori di qualche giorno fa – dovuti alla seconda fase dell’inchiesta “Mafia Capitale”, che anche ieri ha avuto i suoi arresti – la richiesta di dimettersi al Sindaco di Roma, Ignazio Marino, è scomparsa dalle … Continua a leggere