Trentacinque anni dopo la morte di Aldo Moro

Trentacinque anni dopo la morte di Aldo Moro(di Danilo Quinto) Nella primavera del 1978, durante i mesi che si aprirono con lo sterminio dei cinque uomini della scorta di Aldo Moro, il suo sequestro e il suo assassinio, avvenuto il 9 maggio 1978, venne a saldarsi un “fronte” impermeabile a qualsiasi tipo di trattativa volta alla salvezza del leader della DC, capace persino di evitare che si svolgesse un dibattito trasparente e aperto in Parlamento.

Nonostante i molti processi celebrati, i dissociati e i pentiti delle Brigate Rosse e le commissioni d’inchiesta – in particolare, quella sulla P2, che disvelò come in quegli anni, molti di coloro che erano ai vertici delle forze di polizia e dei servizi segreti, appartenessero alla Loggia massonica di Licio Gelli ‒ ancora oggi non si può comprendere quanto accaduto 35 anni fa, senza richiamarsi alle lettere di Moro. Lo comprese Leonardo Sciascia, che dedicò alla vicenda una memorabile saggio.

Nelle lettere, la descrizione della realtà proviene da un uomo che ‒ come egli scrive ‒ «si trova sotto un dominio pieno e incontrollato», che doveva «resistere in una prova assurda ed incomprensibile». Moro, scrive Sciascia, ha vissuto un «contrappasso diretto»: «ha dovuto tentare di dire col linguaggio del non dire, di farsi capire adoperando gli stessi strumenti che aveva adottato e sperimentato per non farsi capire. Doveva comunicare usando il linguaggio dell’incomunicabilità. Per necessità: e cioè per censura e per autocensura. Da prigioniero. Da spia in territorio nemico e dal nemico vigilata».

I destinatari delle sue lettere non capiscono o fanno finta di non capire. Il linguaggio del “non dire”, però, conteneva chiarissimi segni dello stato d’animo di un uomo che voleva solo salvare la vita e preservarla per la sua famiglia. Ci si affidò anche alle sedute spiritiche, dove – come raccontò Romano Prodi durante una deposizione davanti alla Commissione d’inchiesta – gli “spiriti” di Sturzo e di La Pira, indicarono un luogo: Gradoli. Si pensò fosse una località vicino Roma.

Bastava consultare la mappa della città, per scoprire che si trattava di una via, dove era situato uno dei covi della sua prigionia. Gli “spiriti” avevano scoperto quello che gli apparati di sicurezza dicevano di aver cercato invano per mesi. In una delle sue lettere, Moro scrisse: «E può darsi che si stia, qui, facendo un romanzo (…)». È proprio così: la storia della sua eliminazione sta dentro la trama di un romanzo. Dove tutti i protagonisti recitavano una parte, con un esito finale che si conosceva dall’inizio. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • journees-chouannes-2016- Grande successo in Francia delle Journées Chouannes
    Più di 130 autori e circa 2500 visitatori hanno partecipato alle Journées Chouannes, svoltesi, come ogni anno, a Chiré-en-Montreuil, vicino a Poitiers. Si trattava della 46esima edizione dell’incontro organizzato dalla Diffusion de la pensée française (DPF) che in quest’occasione festeggiava … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • L’Europa tra Sodoma e Gomorra di Danilo Quinto L’Europa tra Sodoma e Gomorra di Danilo Quinto
    (di Cristina Siccardi) L’ultima sua prefazione Mario Palmaro l’ha scritta per un saggio di Danilo Quinto Un viaggio nel continente senza Dio (Arkadia, Cagliari 2014, pp.188, € 15.00). L’Europa tra Sodoma e Gomorra di Danilo Quinto was last modified: luglio … Continua a leggere
  • Cannabis-1728x800_c Ultime rilevazioni sulle tendenze dei giovani in Italia
    (di Alessandro Bassetta) Il volume Consumi d’azzardo: alchimie, fragilità e normalità’ illustra i risultati dello studio Espad®Italia 2013, condotto dall’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa e curato da Sabrina Molinaro, Roberta Potente e Arianna … Continua a leggere
  • fondazione lepanto FONDAZIONE LEPANTO: Università d’estate a Norcia
    La Fondazione Lepanto promuove una Università d’estate, rivolta a studiosi e studenti, nonché a quanti aspirano ad acquisire una capacità di giudizio e di interpretazione degli eventi nell’attuale momento storico, tanto dal punto di vista dell’analisi quanto sotto il profilo … Continua a leggere
  • referendum tenuto in Svizzera sull’immigrazione Se l’Italia si esprimesse, voterebbe come la Svizzera
    (di Danilo Quinto) Può un paese esercitare la sua sovranità? E’ questo il primo tema di rilievo che pone l’esito del referendum tenuto in Svizzera sull’immigrazione. L’iniziativa, promossa dal partito Udc/Svp, chiede la reintroduzione di tetti massimi per l’immigrazione di … Continua a leggere
  • crisi Il sole di Dubai e quello di Roma
    (di Danilo Quinto) Di questi tempi a Dubai, negli Emirati Arabi, le temperature oscillano tra i 18° (la minima) e i 28° (la massima). Fa caldo sì, ma è sopportabile. Come fosse primavera inoltrata. Non si può quindi dire che … Continua a leggere
  • Sherlock-Holmes- Il fascino di Sherlock Holmes
    (di Gianandrea de Antonellis) La scadenza dei diritti d’autore su Sherlock Holmes ha dato il via all’annuncio di nuove avventure cinematografiche sull’investigatore più famoso del mondo. Fino ad oggi sono già state numerosissime le trasposizioni del personaggio creato da Sir … Continua a leggere
  • pressione-fiscale Consumi a zero e pressione fiscale devastante
    (di Danilo Quinto) Se c’è una cosa che non inciderà sulla vita grama della maggior parte degli italiani, è il rimpasto di Governo di cui si parla. Buono per trovare nuovi assetti per l’equilibrio dei poteri tra Letta e Renzi … Continua a leggere
  • Ministro dell’Economia Maurizio Saccomanni Un grande avvenire, dietro le spalle
    (di Danilo Quinto) Come regalo della festa pagana della Befana, il Ministro dell’Economia, Maurizio Saccomanni, ha rilasciato una lunga intervista a “Repubblica”, nella quale ha definito il 2014 «anno della svolta», nel quale si consoliderà la ripresa. Famiglie e imprese … Continua a leggere