Top 10 Anti-Freedom Organizations in Europe – n. 5 – FINE

Il-Chi-è-della-battaglia-per-la-famiglia-e-per-la-vita-10Concludiamo la pubblicazione del documento Top 10 Anti-Freedom Organizations in Europe (2013), con due organizzazioni tra le più fortemente ideologiche: Catholics for Choice e National Secular Society. Simili, eppure diverse. Poiché la seconda sigla rappresenta una precisa concezione filosofica e culturale della vita – per quanto assolutamente non condivisibile -, mentre la prima ha l’arroganza di definirsi “cattolica”, pur ponendosi in aperto, dichiarato contrasto col Magistero e con la Dottrina Sociale della Chiesa.

Aspetti, anche questi, che, poggiando su dati pubblici ed oggettivi, è importante diffondere. Per conoscere e valutare.

Catholics for Choice (CFC)

Sede centrale in Europa: Paesi Bassi
Web: http://www.catholicsforchoice.org/
Presidente: Jon O’Brien

Catholics for Choice (CFC) è un’organizzazione no profit, che assume posizioni opposte a quelle proprie della Dottrina della Chiesa Cattolica Romana su diversi temi morali. Questa sigla non solo approva, ma promuove campagne a favore dell’aborto. Sul suo sito, chiede che l’aborto sia «sicuro, legale e veramente accessibile»[1]. Con la National Secular Society, la Federazione Umanista Europea ed altre organizzazioni estremamente secolarizzate, siede al tavolo consultivo dell’EPPSP-Piattaforma dell’Europarlamento per il Secolarismo in Politica e mantiene una propria presenza nell’Unione Europea[2].

CFC si definisce «una voce per i cattolici, che credono che la Tradizione sostenga il diritto morale e legale della donna a seguire la propria coscienza nelle questioni relative alla sessualità ed alla salute riproduttiva»[3]. Tuttavia, l’organizzazione non ha iscritti e viene finanziata quasi interamente da Fondazioni laiche come la Buffet Foundation, la David and Lucile Packard Foundation, la Ford Foundation, la John D. and Catherine T. MacArthur Foundation e la William and Flora Hewlett Foundation. Tutte queste Fondazioni sono convinte sostenitrici dell’agenda abortista (ad esempio, la National Abortion and Reproductive Rights Action League, la National Organization for Women e Planned Parenthood)[4].

Altri finanziatori dei CFC sono la Open Society Institute di George Soros (sostenitore di molte organizzazioni laiciste come l’Associazione Internazionale lesbiche e gay[5]), la Playboy Foundation e la Turner Foundation[6].

 

National Secular Society (NSS)

Sede centrale/Paese: Regno Unito
Web: http://www.secularism.org.uk/
Presidente: Terry Sanderson (dal 2006)

La National Secular Society è un’organizzazione britannica, che promuove attivamente in Europa campagne contro la libertà religiosa, invocando una netta separazione tra Stato e Chiesa e riducendo la fede ad un fatto privato, del tutto estraneo alla sfera pubblica. Organizza fattivamente anche l’agenda giuridica omosessista. Ad esempio, nel 2012, la NSS è intervenuta presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo nelle cause relative a Eweida e Chaplin contro il Regno Unito e Ladele e McFarlane contro il Regno Unito contro il diritto dei candidati ad un posto di lavoro di manifestare la propria religione, nonché sostenendo che, nel secondo dei casi citati, «i diritti dei gay sarebbero stati messi a rischio»[7].

L’NSS è un’organizzazione, che fa parte dell’IHEU-International Humanist and Ethical Union. Ha spesso svolto un’intensa attività in Europa (presso il Consiglio d’Europa e presso il Parlamento Europeo), nonché presso le Nazioni Unite come rappresentante dell’IHEU. Collabora strettamente con Roy Brown al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, a Ginevra[8]. Siede anche al tavolo consultivo dell’EPPSP-Piattaforma del Parlamento Europeo per il Secolarismo in Politica[9].

La NSS organizza annualmente una cerimonia di premiazione per il Laico dell’Anno, durante la quale viene consegnato il Premio Irwin del valore di 5.000 sterline, donate da Michael Irwin. I precedenti vincitori comprendono nomi di politici scagliatisi contro la libertà religiosa come Sophie in’t Veld (MEP) e Peter Tatchell[10].

La NSS non fornisce informazioni pubbliche circa i suoi aderenti. Tuttavia, definisce i “Soci Onorari” come suoi «importanti sostenitori nei campi della politica, dei diritti umani, della scienza, della filosofia, delle arti, del giornalismo e dei media». Tra loro, figurano Michael Cashman (MEP), Sophie in’t Veld (MEP), Mary Honeyball (MEP), il prof. Peter Atkins ed il prof. Richard Dawkins[11].

 

[1] http://www.catholicforchoice.org/about/default.asp

[2] http://politicsreligion.eu/advisory-board/

[3] http://www.catholicsforchoice.org/about/default.asp

[4] http://www.discoverthenetworks.org/groupProfle.asp?grpid=6908; http://ippf.org/sites/default/files/financialstatements_2012_en.pdf

[5] http://c-fam.org/en/2011/7083-homosexual-lobby-group-funded-mostly-by-governments

[6] http://www.discoverthenetworks.org/groupProfile.asp?grpid=6908

[7] http://www.secularism.org.uk/european-court-of-human-rights-i.html

[8] http://www.secularism.org.uk/nss-in-europe.html

[9] http://politicsreligion.eu/advisory-board/

[10] http://www.secularism.org.uk/secularist-of-the-year-2013.html

[11] http://www.secularism.org.uk/honoraryassociates.html

Donazione Corrispondenza romana