Summorum Pontificum. Una speranza per tutta la Chiesa

Il Motu Proprio Summorum Pontificum di S.S. Benedetto XVI. Una speranza per tutta la Chiesa(di Fabrizio Cannone) La questione della corretta celebrazione della liturgia sarà sempre all’ordine del giorno nella Chiesa e questo per due motivi di fondo: anzitutto il legame ovvio ma spesso dimenticato tra fede e preghiera,  sancito dalla massima lex orandi – lex credendi; e poi la necessità dei sacramenti quali perfetti canali  della grazia divina.

Pilastri che in quanto fondati da Cristo non possono essere aboliti dagli uomini, dalla Chiesa e dal progresso storico, ma neppure possono essere radicalmente alterati o sostanzialmente modificati. A seguito della riforma liturgica della santa Messa (1969-1970) è nata e si è andata rafforzando nell’intera cattolicità una corrente di laici, di religiosi e di sacerdoti i quali hanno desiderato rinnovare e riprendere l’intera tradizione teologica della liturgia, che pare non più assicurata nella maggioranza delle parrocchie ordinarie.

Il volume curato da padre Vincenzo Nuara , Il Motu Proprio Summorum Pontificum di S.S. Benedetto XVI. Una speranza per tutta la Chiesa (Fede & Cultura, Verona 2013, pp. 175, euro 13) nasce all’interno di questo  movimento liturgico e presenta gli atti del Terzo Convegno sul Summorum Pontificum, tenutosi a Roma nel maggio del 2011. Nella prefazione il Cardinal Walter Brandmüller nota che i saggi raccolti offrono « un vasto campo tematico per un approfondito dibattito scientifico, uno scambio di idee ed esperienze che sarà tanto più fecondo quanto sarà sereno e obiettivo» (p. 5). Dibattito però che certi liturgisti e non pochi pastori non vorrebbero neppure aprire per evitare che la liturgia divenga tema di discussione. Non la pensano così, fortunatamente i cardinali Brandmüller e Koch, i Vescovi Aillet, Pozzo e Schneider che hanno offerto al Convegno delle notevoli riflessioni in ordine sia al rilancio della liturgia tradizionale, sia al ripensamento della nuova liturgia (mons. Schneider per esempio ha proposto la reintroduzione degli Ordini Minori, la cui esistenza è attestata a Roma già nel III secolo.

Importanti poi gli altri contributi: di mons. Bux sul Pontificale Romano del 1961-62, di Madre Francesca Perillo FI sulle origini apostolico-patristiche della Messa impropriamente detta Tridentina e del prof. de Mattei sul rapportotra lingua latina e liturgia cristiana. La “paura del velo” di cui parla mons. Marco Agostini nell’intervento che conclude il volume, è oggi divenuto un vero e proprio terrore per ciò che, anche in Liturgia, rappresenterebbe un ritorno alla Tradizione. Eppure solo da quel ritorno alle nostre radici, potremo guardare al futuro della Chiesa senza complessi e patemi d’animo. (Fabrizio Cannone)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere