Si vada di nuovo al voto, presto!

Politiche-2013-Chi-ha-vinto(di Danilo Quinto) Questo Paese, devastato da una crisi morale e quindi anche economica senza precedenti, non attendeva altro che la decisione del Presidente della Repubblica dei giorni scorsi. La conferma del suo settennato fino all’ultimo giorno utile, la nomina dei «saggi» che dovrebbero occuparsi di riforme istituzionali ed economiche, il rinnovo della fiducia in un Governo che ha contribuito in maniera determinante a delineare per l’Italia la via della Grecia o di Cipro.

Andiamo con ordine e facciamo un passo indietro, al novembre del 2011. Sconfessando un voto popolare che legittimava un Governo che non aveva conosciuto la sfiducia da parte del Parlamento, il Presidente della Repubblica affida l’incarico di formare il Governo al Professor Mario Monti, previa nomina a senatore a vita.

La soluzione più logica, razionale, costituzionalmente ineccepibile, quella del ritorno alle urne, non viene neppure presa in considerazione, con la scusa che avrebbe fatto precipitare la situazione. Il risultato di quella scelta, invece, si è visto. Il Governo, supportato innanzitutto dal PD e dal PDL, attua una serie di misure che provocano una disastrosa situazione economica, assolvendo un solo compito: quello di allinearsi alle decisioni prese da consorterie economiche e finanziarie estranee alla sovranità italiana e facenti capo ad un’Europa politica che non è mai esistita e alla difesa di una moneta unica che dalla sua entrata in vigore ha combinato solo guai e che, ciò nonostante, viene considerata irreversibile, come se nella vita una qualunque cosa avesse i caratteri dell’irreversibilità. Il risultato dell’azione del Governo è l’impoverimento della società italiana, la chiusura di centinaia di imprese al giorno, la disoccupazione che dilaga, l’impegno a pagare per i prossimi vent’anni gli interessi sul debito pubblico.

L’azione di questo stesso Governo viene ora esaltata da Giorgio Napolitano, che preannuncia altre misure di carattere economico, per giunta in una situazione in cui, dopo le elezioni, quel Governo dovrebbe amministrare solo gli “affari correnti”. Non solo. Viene anche rinnovata la fiducia in un Governo che  ̶  a proposito di “affari correnti”  ̶  si era già «dimesso dalle sue responsabilità» riconsegnando, dietro le minacce ed il ricatto, due suoi servitori dello Stato ad una potenza straniera, coprendosi di ridicolo e di vergogna. Un Governo, per giunta, presieduto da un professore prestato alla politica, che nel frattempo ha fondato un suo partito e che aveva dichiarato in Parlamento, proprio durante il dibattito sulla vicenda dei due marò, che il suo Governo «non vede l’ora di essere sollevato da questo incarico»!

All’azione del Governo, si aggiunge quella dei «saggi». Per fare che cosa? Elaborare proposte, che poi dovranno convergere in un programma condiviso. Da chi? Da élites più allargate, naturalmente, dell’una e dell’altra parte dello schieramento. Come se non si conoscessero già le misure urgenti da prendere. Sullo sfondo, rimane Grillo. Tuona affinché si garantisca al Parlamento di lavorare, ma non si misura con gli strumenti della democrazia, estranei a decisioni che vengono prese da “guru” mediatici, che vogliono anche impedire l’espressione delle opinioni personali, per ricondurre tutti ad un pensiero unico, degno del “grande fratello”.

Una situazione che definire confusa è poco, che avrebbe potuto conoscere un elemento di chiarezza con le dimissioni del Presidente della Repubblica, l’elezione del nuovo Presidente, lo scioglimento del Parlamento eletto il 25 febbraio e l’indizione di nuove elezioni. Al posto della confusione, dei doppio-giochismi e dei balletti che non servono, è sempre meglio ricorrere alle regole della democrazia. Che in Italia, fino a prova del contrario, è praticata attraverso il popolo sovrano. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere