Secondo un rapporto, metà dei “ribelli” sono di al Qaeda o estremisti islamici

Secondo un rapporto, metà dei “ribelli” sono di al Qaeda o estremisti islamici(di Mauro Faverzani) Il mondo ha saputo del rapporto stilato dagli ispettori dell’Onu circa l’utilizzo di armi chimiche alle porte di Damasco lo scorso 21 agosto, rapporto che comunque non individua i responsabili dell’attacco. Decisamente meno noto, invece, ma non meno importante appare uno studio condotto dall’IHS Jane’s, la società di consulenza britannica specializzata in temi relativi alla Difesa.

Secondo tale documento, stilato sulla base di testimonianze e di fonti d’intelligence e pubblicato dal quotidiano “The Daily Telegraph”, la metà dei circa 100 mila “ribelli”, che ‒ frammentati in mille differenti gruppi ‒ combattono contro il regime siriano, sarebbe jihadista o apparterrebbe al fanatismo islamico. In particolare, 10 mila di loro sarebbero emanazione diretta o comunque collegati ad al Qaeda: loro scopo sarebbe quello di fare della Siria un “emirato” in seno ad un “califfato” islamico, esteso all’intera regione; tra i 30 ed i 35 mila sarebbero invece membri di gruppi di estremisti islamici, focalizzati sul conflitto locale e senza altre prospettive geo-politiche di medio-larga scala; almeno altri 30 mila apparterrebbero a gruppi, pure islamici, definiti però più “moderati”.

Solo un’esigua minoranza di combattenti apparterrebbe a gruppi non islamici o nazionalisti. Non a caso in un discorso audio, diffuso in occasione dell’anniversario degli attacchi dell’11 settembre, il capo della rete al Qaeda, Ayman al-Zawahiri, ha raccomandato ai militanti islamici in Siria di non stringere alleanze con chi sia sostenuto dagli Stati arabi del Golfo e dai Paesi occidentali, monito che riflette le profonde rivalità tra fazioni, in competizione tra loro ed unite soltanto dall’odio contro le shabiha, le milizie pro-Assad, accusate d’esser nemiche dello “Stato islamico”, nonché dalla sete di potere e di controllo sulle popolazioni delle zone ove esse operano.

Le truppe legate ad al Qaeda sono quelle meglio organizzate, meglio armate, meglio pagate e meglio inserite nel tessuto sociale: il loro enorme potere economico consente di conquistare la simpatia ed il sostegno della gente povera, affamata, malata e stremata dal conflitto, distribuendo cibo e medicine agli adulti, oltre a giocattoli per i bambini, assieme però all’immancabile propaganda islamista. A tal scopo uno di questi gruppi, l’Eil – sigla che sta per Stato islamico in Iraq e in Oriente – ha lanciato un vero e proprio programma di “indottrinamento” dei civili, per “rieducare” i musulmani sunniti siriani più moderati ad un’interpretazione radicale e dura dell’islam. Senza dimenticare la propaganda anti-Assad, scatenata da al Qaeda in Occidente, propaganda che pare abbia già prodotto i propri frutti, fors’anche sin troppo copiosi ed insperati, senz’altro oltre ogni aspettativa anche nell’Occidente cristiano. (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana