Scienziati, dunque credenti

Come la Bibbia e la Chiesa hanno creato la scienza sperimentale

Scienziati, dunque credenti C'è compatibilità tra scienza sperimentale e fede in un Dio Creatore? Se ne dibatte spesso, per lo più in termini filosofici. Lo si farà anche in questo libro, discutendo su Dio, l'anima, i miracoli, la Chiesa. Ma soprattutto si interrogheranno i grandi fisici, astronomi, matematici e si scoprirà che tutti i padri della scienza hanno creduto in Dio. Si scopriranno le preghiere di Keplero, Pascal e Pasteur; si apprenderà che un monaco ha fondato l'idraulica moderna e un altro ancora ha inventato il primo sismografo. Niccolò Copernico era un religioso, Luigi Galvani terziario francescano e Alessandro Volta catechista. Si ricorderà che all'origine della biologia moderna e della genetica vi sono due grandi sacerdoti cattolici; che il padre della geologia è stato vescovo e beato e che il padre della mineralogia fu canonico a Notre Dame di Parigi. Il padre dell'aeronautica? Un gesuita. Il teorizzatore del Big Bang? Il sacerdote Lemaitre. Il primo telegrafo, il primo fax e il primo motore a scoppio? Altri tre sacerdoti!
Autore: Francesco Agnoli
Editore: Cantagalli
Anno: 2012
Numero pagine: 216
Prezzo: 14,90 €