Roma, tra luci rosse e mafia

Senato - Giornata del Ricordo(di Danilo Quinto) È di questi giorni l’ennesima esternazione del Sindaco di Roma. Dopo la festa della scorsa settimana in Campidoglio, insieme a Vladimir Luxuria e Nichi Vendola, per l’istituzione del registro delle unioni civili, Ignazio Marino sponsorizza la campagna per aprire una strada a luci rosse nel cuore dell’Eur e dichiara che si appresterebbe a far multare per la cifra di 500 euro i clienti delle prostitute se colti fuori dell’area consentita.

C’è chi si è premurato di sentire il parere del Prefetto di Roma, il quale rispetto all’idea di riservare un’area della città alle prostitute e ai loro clienti, ha detto: «fare ciò che vorrebbe Marino senza un intervento del governo o del Parlamento è reato: è favoreggiamento della prostituzione». Il Sindaco di Roma è persona avveduta. È possibile che egli ignori la legge o, cosa ancora più grave, voglia prescinderne? In entrambi i casi, si tratta di una situazione di inaudita gravita, perché quello di cui si dovrebbe occupare è governare una capitale di 5 milioni di abitanti, divorata dall’inefficienza, dall’insicurezza sociale e dalla povertà (in base al recente rapporto delle Acli, il 4% della popolazione, vive sotto la soglia di povertà).

C’è ancora dell’altro ed è ancora più grave. Prima di Natale, a seguito dell’inchiesta sul “Mondo di Mezzo” di Mafia Capitale, un magistrato palermitano, Alfonso Sabella, riceve l’incarico di Assessore alla Legalità. Roma non l’aveva mai avuto nella sua storia. «Ad ascoltarlo, si capisce perché», commenta Carlo Bonini durante la puntata di Fischia il Vento, la trasmissione di Gad Lerner della scorsa settimana.

Il magistrato dichiara che quello che più l’ha colpito è stato il «numero spropositato di affidamenti di pubbliche commesse senza gara». «Fatto 100 affidamenti – chiede il giornalista – che percentuale di irregolarità formale ha riscontrato?». «Mi verrebbe da dire 100% – risponde Sabella – ma dovrei salvare le gare ad evidenza pubblica sulle quali non abbiamo riscontrato granché. Le percentuali sono oggettivamente elevate: parliamo del 70-80%». «Si può dire che a Roma vincere una gara d’appalto era diventato un diritto. È così?», chiede Bonini. «Per certi soggetti sì, c’era la pressocché certezza», risponde il magistrato. Se è vero che quello che rileva l’assessore non si riferisce solo all’amministrazione Marino, ma riguarda un tempo molto più lungo, è anche vero che negli ultimi due anni poco o nulla è stato fatto per invertire la rotta.

Senza l’intervento della magistratura, il “Mondo di mezzo” avrebbe continuato a spadroneggiare. Se così è, perché non si traggono le conseguenze politiche? Comprendiamo che il Presidente del Consiglio e leader del Partito Democratico – così attento ad occupare tutte le poltrone possibili – non si voglia privare del Sindaco di Roma, ma è legittimo chiedersi: per quanto tempo ancora si dovrà non tener conto dell’evidenza dei fatti? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • gay village Il gay village si trasforma in college per diffondere il gender
    (di Alfredo De Matteo) Prosegue senza soluzione di continuità l’opera demolitrice dell’ordine naturale da parte delle lobby gay, che lungi dall’accontentarsi dei risultati ottenuti a livello giuridico puntano dritto verso il loro principale obiettivo: giungere alla completa normalizzazione del comportamento … Continua a leggere
  • roma-isis La terza guerra mondiale
    (di Roberto de Mattei – pubblicato su Radici Cristiane – n.108 – ottobre 2015 ) Papa Francesco, tornando dal suo viaggio in Corea l’8 agosto dello scorso anno, ha affermato che «siamo già entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte … Continua a leggere
  • isis-prossima-fermata-roma L’obiettivo finale è sempre Roma
    (di Roberto de Mattei) La prima decapitazione islamica sul suolo europeo dai tempi della battaglia di Vienna (1683) è avvenuta, il 26 giugno 2015, mentre il “campione” dell’Occidente, Barack Obama, celebrava trionfalmente la legalizzazione dei “matrimoni” omosessuali imposta dalla Corte … Continua a leggere
  • RomaPride2015 13 giugno il Gay Pride festeggia la liberazione sessuale di Roma
    (di Lupo Glori) «Liberiamoci!», questo il significativo slogan scelto dagli organizzatori del “Roma Pride 2015”, la parata dell’orgoglio omosessuale, svoltasi a Roma sabato 13 giugno che ha visto le strade della Capitale percorse dall’orrendo spettacolo messo in scena da oltre … Continua a leggere
  • ignazio-marino-dimettiti1 La richiesta si allarga: “Marino, dimettiti!”
    (di Danilo Quinto) Sopiti i clamori di qualche giorno fa – dovuti alla seconda fase dell’inchiesta “Mafia Capitale”, che anche ieri ha avuto i suoi arresti – la richiesta di dimettersi al Sindaco di Roma, Ignazio Marino, è scomparsa dalle … Continua a leggere
  • matteo salvini La leadership di Matteo Salvini
      (di Danilo Quinto) Dedicare, come si è fatto, commenti e editoriali al solo tema della presenza di militanti di Casa Pound alla manifestazione della Lega che si è svolta a Roma sabato scorso – dando invece rilevanza a quella … Continua a leggere
  • Dense nubi sovrastano Roma Dense nubi sovrastano Roma
    (di Danilo Quinto) Non sono solo le minacce dello Stato Islamico di issare la sua bandiera sulla Basilica di San Pietro, a rendere difficile la vita nella capitale. Anzi, quelle minacce – com’è accaduto negli anni ’70 con il terrorismo … Continua a leggere
  • il mondo di mezzo Il “mondo di mezzo” si mangia l’Italia
    (di Danilo Quinto) Il “mondo di mezzo, quello che comunica con quello dei vivi e quello dei morti”, come sostiene uno degli intercettati dell’operazione “Mafia nella Capitale” non è una realtà solo romana. È una metafora efficace per rappresentare una … Continua a leggere
  • Marino Le oche del Campidoglio
    (di Danilo Quinto) Nel 390 a.C., come racconta Tito Livio, furono le oche a salvare il Campidoglio dall’assedio dei Galli. Marco Manlio, svegliato dal loro starnazzare e dal rumore delle loro ali, radunò gli altri soldati e respinse l’assalto dei … Continua a leggere
  • Il nuovo Sindaco Ignazio Marino arriva al Campidoglio in bicicletta Le dimissioni di Marino? Una salvezza per Roma
    (di Danilo Quinto) Con la manovra di bilancio approvata qualche giorno fa – pari a 6,5 miliardi di euro – il Comune di Roma prevede di vessare i cittadini per ulteriori 244 milioni di euro rispetto al 2013. Le dimissioni … Continua a leggere