Superate le 7.500 firme in pochi giorni per chiedere le dimissioni di Padre Volpi

francescani dell'ImmacolataSono già più di 7.500 le firme raccolte in pochi giorni per chiedere le dimissioni di Padre Fidenzio Volpi dal suo incarico di commissario dei Francescani dell’Immacolata.

La notizia della petizione si è estesa presto in tutto il mondo, tanto che a sottoscriverla sono fedeli di ogni condizione sociale e professionale, di ogni età e livello culturale, residenti ai quattro angoli del pianeta, dalla Polonia al Brasile, dagli Stati Uniti all’Argentina, com’è possibile evincere dall’elenco on line, che è pubblico e consultabile da chiunque (http://www.corrispondenzaromana.it/firma-per-chiedere-le-dimissioni-di-padre-fidenzio-volpi/).

Ciò evidenzia non solo quanto il problema sia sentito e corale sia la reazione, ma ancor più attesta l’universale comunione e la cristiana vicinanza della gente comune ai frati fedeli al proprio fondatore, Padre Stefano Maria Manelli, costretto senza motivo ad un regime di totale isolamento.

Ricordiamo come, con atti di inaudita e purtroppo solerte durezza, il commissario ha deposto l’intero governo generale dell’Ordine, esautorato dai propri incarichi e trasferito tutti i collaboratori di pade Manelli, vietato la celebrazione della Santa Messa e della Liturgia delle Ore nella forma straordinaria, chiuso il Seminario, le riviste e le pubblicazioni, sospeso le ordinazioni diaconali e sacerdotali. Inoltre ha proibito le attività dei terziari e dei laici collegati all’Istituto; ha tolto alle Francescane dell’Immacolata e alle Clarisse dell’Immacolata l’assistenza spirituale dei Frati; ha imposto a tutti i religiosi un giuramento di fedeltà al Novus Ordo Missae ed al Concilio Vaticano II, che mai nessuna autorità ecclesiastica ha preteso.

L’unico risultato di tale e tanta ferocia è stato di fatto l’annientamento dell’Ordine, annientamento immotivato non sussistendo in esso colpe, bensì soltanto il merito di vivere, testimoniare e promuovere una spiritualità genuina, profonda, rigorosamente fedele alla Sacra Scrittura, alla Tradizione ed al Magistero. Ciò, che ha portato immediati frutti in termini di vocazioni, di missioni aperte ovunque nel mondo, di fedeli e non riconquistati alla vera fede. Gli stessi che oggi, riconoscendo tutto questo, sono stati e sono pronti a sottoscrivere una petizione, promossa da un gruppo di siti ed associazioni di laici cattolici, per fermare la mano della devastazione. Petizione, che proseguirà senza sosta, sino a quando Padre Volpi non si dimetterà o non verrà dimesso dall’incarico di commissario (M.F.).

Donazione Corrispondenza romana