Qual è la vera fede cattolica? di Corrado Gnerre

(di Cristina Siccardi) «La ragione che pretende esaurire tutto il reale, in realtà fa esaurire (nel senso di esaurimento nervoso) l’uomo stesso», tale affermazione andrebbe scritta a caratteri cubitali sui manifesti delle affissioni cittadine. È un concetto tanto semplice, quanto reale, a scriverlo è Corrado Gnerre, autore del bel libro Qual è la vera Fede Cattolica? (Fede & Cultura, Verona 2012, pp. 66, € 8,50), che si inserisce alla perfezione in questo Anno della Fede indetto da Benedetto XVI. Per rispondere al quesito, l’autore fa una premessa dove spiega che la ragione vera è la ragione-ragionevole e non la ragione-razionalista, che dall’Illuminismo ad oggi viene declamata e posta nell’Olimpo della vita umana.

La quotidianità ci mette di fronte, ogni giorno, a scelte da prendere in maniera ragionevole o in maniera razionalista: la prima si dimostra essere sempre vincente nel suo carattere naturale, a dispetto della seconda che può condurre alla paranoia, perché, applicare pedestremente il metodo positivistico ai pensieri e alle azioni ordinarie significa “sclerare”, ecco che la Fede non si coniuga con il razionalismo, il cui orizzonte è unicamente cerebrale.

L’attuale Cattolicesimo ha subíto l’influsso della mentalità illuminista: molti vivono la Fede come mera esperienza, come semplice sentimento religioso, altri, invece, come aderenza esclusivamente intellettuale. «La fede come esperienza ha radici antiche (quella luterana è di questo tipo), ma ha trovato terreno fertile nel modernismo teologico che si è espresso nel rifiuto della metafisica tradizionale a favore di un concetto di verità paradossalmente mutevole»: è normale che una fede siffatta sia aperta a qualsiasi tipo di relativismo religioso. Siamo di fronte all’eresia modernista che ha cercato di coniugare il pensiero moderno con la Chiesa, un’eresia che san Pio X condannò nella Pascendi Dominici Gregis del 1907, ma che è rimasta viva e vegeta, seminando confusione, errori, peccati.

Il Modernismo, lo «scolo di tutte le eresie», come l’ ha definito san Pio X,  ha infettato diversi campi e Gnerre ricorda i sei enunciati da Papa Sarto: il modernista filosofo, il modernista credente, il modernista teologo, il modernista storico-critico, il modernista apologeta, il modernista riformatore. DAl Credo, con questa mentalità modernista, è stata eliminata la dimensione dottrinale ed è rimasto il cosiddetto incontro con una Persona, Cristo: evidente questo approccio in diversi movimenti laicali postconciliari e in diverse parrocchie, dove si vive una Fede monca, incompleta, debole, ondivaga, sensibile ad ogni spiffero d’aria. Di qui discende il Dio non solo Misericordioso, ma “permissivo” che tutto accetta, perché il Suo amore tutto copre e tutto perdona, non lasciando il benché minimo spazio alla tensione verso la perfezione cristiana, che comporta il sacrificio (la Croce è un tutt’uno con la Fede), dove trovano libertà di azione le altre due virtù teologali: la Speranza e la Carità.

L’adesione intellettiva alla Fede è, invece, un Cristianesimo di tipo gnostico, che produce una «fede ideologica» e «autoreferenziale», dove non è necessario vivere secondo le virtù, ma è importante sottomettere la religione all’esercizio intellettuale, facendola diventare cultura applicata alla vita sociale.  Entrambi questi due modi di vivere la Fede sono viziati dalla superbia, perché in entrambi non c’è sottomissione semplice ed umile, ma orgoglio personale, sia esso basato sul proprio particulare (esperienza), sia esso basato, superbamente, sulla propria intelligenza (l’ ὕβρις); invece, spiega Gnerre, riprendendo ciò che la Tradizione Cattolica da sempre afferma, attraverso il Vangelo e i santi: «vivere con semplicità è pensare con grandezza. Cioè, se si vogliono cogliere le realtà più profonde, bisogna essere semplici. Chi si crede gigante… finisce con lo scontare il peso di un’intelligenza nana». (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere